Intasca i soldi e non prenota i viaggi.Alfonso Sergio, è stato portato in tribunale da clienti raggirati per oltre 60mila euro

Scritto da , 4 ottobre 2017

Pina ferro

 

Titolare di un’agenzia di viaggi intasca i soldi di decine di clienti, chiude l’attività e si rende irreperibile. Alfonso Sergio di Salerno titolare della “Trading & travel” in via Fieravecchia a Salerno, il prossimo mese di febbraio comparirà dinanzi al giudice Passaro della Prima sezione penale di Salerno per rispondere del reato di appropriazione indebita aggravata. Il titolare dell’agenzia di viaggi, al momento irreperibile, e difeso da Agostino De Caro, ieri, è stato rinviato a giudizio dal Giudice per le udienze preliminari Stefano Berni Canani. Secondo l’accusa avrebbe intascato oltre sessantamila euro da divesi soggetti. In un caso avrebbe anche utilizzato la carta di credito di un cliente. A costituirsi parti civili nel procedimento sono stati 33 dei numerosi clienti che su erano rivolti ad Alfonso Sergio per chiedere di organizzare un viaggio e cge alla fine si sono ritrovati senza soldi e senza nessuna prenotazione effettuata nella località prescelta. Tra i raggirati vi sono avvocati, coppie di sposini e professionisti vari. Le somme consegnate ad Alfonso Sergio vanno dai mille euro fino ad oltre seimila euro. Il modus operandi dell’uomo era quasi sempre lo stesso: insieme ai clienti organizzava il viaggio, scegliendo volo, hotel, ristorante, escursioni e così via; successivamente intascava i soldi per l’intero pacchetto e versava quasi sempre solo il dovuto per l’acquisto del biglietto aereo. La restante parte finiva nelle sue tasche. I raggirati hanno potuto ffare ben poco nell’immediatezza dei fatti in quanto si sono ritrovati dinanzi all’agenzia di viaggi con la saracinesca abbassata e l’irreperibilità del loro interlocutore. In 33 hanno presentato denuncia per il raggiro che hanno subito. I fatti risalgono al 2014 in particolare fino al mese di agosto. Nel collegio difensivo tra gli altri gli avvocati Giovanni Gioia, Marina Manconi, Salvatore Crisci, Giovanni Paolillo, Sergio Trani.

Consiglia