Incontro su Monsignor Pollio, testimone di Cristo

Scritto da , 11 Novembre 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

E’ stato organizzato per domani alle ore 18,30 dalla Comunità “Opzione Benedetto” e l’Associazione Culturale “Veritatis Splendor”, in collaborazione con l’Arcidiocesi di Salerno-Campagna-Acerno, presso il Seminario Metropolitano “Giovanni Paolo II” in Via Pompei 122 a Pontecagnano Faiano, un incontro sul tema: “Croce d’oro tra le sbarre”, per onorare, a trent’anni dalla morte, la memoria di Monsignor Gaetano Pollio, Arcivescovo di Kaifeng (Cina) e poi di Salerno e insigne testimone di Cristo perseguitato nella Cina comunista. Fu un missionario e arcivescovo cattolico italiano. Portatore di valori religiosi in un periodo chiave per il futuro della fede in un’area geopolitica rilevante, ove operò in qualità di massima autorità ecclesisatica nella regione. Fu testimone e vittima diretta delle repressioni e delle violazioni dei diritti umani attuati dal regime totalitario che si stava instaurando. Ordinato sacerdote del Pontificio Istituto Missioni Estere il 22 settembre 1934, l’anno successivo viene inviato in missione a Kaifeng, città della provincia cinese dello Henan. Dopo il martirio del locale vescovo Tacconi, il giovane Pollio regge le sorti della Missione che si trovava nei territori occupati dai giapponesi durante la seconda guerra mondiale. All’indomani della cacciata dei giapponesi, il 12 dicembre 1946 è nominato arcivescovo di Kaifeng, ricevendo l’ordinazione il successivo 13 aprile. Nell’ottobre 1951 fa ritorno in Italia. Dopo un periodo passato presso il PIME, l’8 settembre 1960 è nominato arcivescovo di Otranto e Primate del Salento. Il 5 febbraio 1969 è nominato arcivescovo di Salerno e amministratore perpetuo di Acerno; il 4 agosto 1973 è nominato anche vescovo di Campagna. Dal 9 novembre 1968 al 5 febbraio 1969 fu amministratore apostolico della diocesi di Ugento-Santa Maria di Leuca. Colpito da una grave malattia, il 20 ottobre 1984 rassegna le dimissioni. Muore a Salerno il 13 marzo 1991 all’età di 79 anni. L’incontro, presieduto da Sua Eccellenza Reverendissima Monsignor Andrea Bellandi, Arcivescovo Metropolita di Salerno-Campagna-Acerno, sarà moderato da Giovanni Formicola, membro della Comunità “Opzione Benedetto”. Nel corso della serata interverranno Don Biagio Napolitano, sacerdote diocesano ordinato proprio da Monsignor Pollio; Don Francesco Saverio Casa, curatore del libro “Diario del viaggio dall’Italia alla Cina”, e Marco Di Matteo, Presidente dell’Associazione “Veritatis Splendor”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->