Incontro Gruppo AIL Pazienti Leucemia Mieloide Cronica, sabato a Salerno

Scritto da , 22 giugno 2015

 

La Leucemia Mieloide Cronica (LMC), che in Italia colpisce tra le 700 e le 800 persone l’anno, oggi fa meno paura. Se fino agli anni ‘90 la malattia risultava spesso mortale, ora può essere controllata grazie ai farmaci ‘intelligenti’ capaci di andare a influire direttamente sul meccanismo genetico delle cellule malate. Grazie a queste terapie, l’aspettativa di vita di un paziente affetto da LMC è del tutto simile a quella di un coetaneo sano, con un miglioramento notevole della sua qualità della vita. La cronicizzazione della LMC ha però portato in primo piano altre problematiche, quali l’aderenza alla terapia, la gestione degli effetti collaterali e l’insorgenza di eventuali patologie correlate.

Di fronte a queste nuove esigenze, pazienti e specialisti hanno evidenziato l’importanza di coinvolgere nel percorso di cura oltre all’ematologo il medico di medicina generale, per dare una risposta migliore a quegli effetti secondari della cura che condizionano la quotidianità del malato. Per il futuro, quindi, il Gruppo AIL Pazienti LMC non solo continuerà a promuovere incontri informativi su terapie e gestione della malattia, ma si porrà come obiettivo quello di creare un team unico di cura, sensibilizzando il medico di medicina generale sulle esigenze dei pazienti.

 

Il prossimo incontro del Gruppo AIL Pazienti LMC si terrà sabato 27 giugno a partire dalle 8.45 Sala Tafuri B – Grand Hotel Salerno Via Lungomare Tafuri, 1. Parteciperanno Carmine Selleri Direttore UOC Ematologia e Trapianti di Cellule Staminali Emopoietiche, AOU Ruggi d’Aragona di Salerno; Mario Annunziata, Ematologo presso U.O.C. di Ematologia con A.O.R.N Antonio Cardarelli di Napoli; Luigiana Luciano Dirigente Medico presso il reparto di Ematologia e Trapianti di midollo dell’Ospedale Policlinico Federico II di Napoli e Giuseppe De Cataldis, Medico di medicina generale.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->