In ricordo di Giorgio Almirante

Scritto da , 29 novembre 2014

GIORGIO ALMIRANTE: UN UOMO LIBERO

Giorgio Almirante, storico segretario del Movimento Sociale Italiano, uno dei più grandi oratori della Repubblica Italiana, un uomo straordinario, un leader dagli occhi magnetici, che grazie al suo carisma e alla sua oratoria riusciva a far passare le sue decisioni senza il minimo sforzo, è stato ricordato ieri sera, al Caffè Moka di Corso Vittorio Emanuele, in una sala gremita di ex militanti del partito, politici come il Senatore Vincenzo Fasano e di persone che semplicemente lo ammiravano  per la sua coerenza e la sua onestà politica, riconosciuta da tutti, anche dai suoi avversari politici. L’incontro è stato organizzato  nell’ambito delle celebrazioni del centenario della nascita di Giorgio Almirante, da Maurizio Di Lorenzo che  ha ricordato quando a 21 anni,  nel 1979, da Segretario Provinciale del Fronte della Gioventù, restò a parlare da solo, a Napoli,  in una stanza con Almirante:”Era un uomo semplice. Mi mise subito a mio agio”. A celebrare  il grande politico della destra italiana  sono stati  il  Senatore Vincenzo De Masi che  ha ricordato il grande rispetto che aveva Almirante per il Sud e per Salerno in particolare:”Negli anni di piombo Almirante si trovò ad essere a capo di un partito  che era destinatario di tutto il male possibile. Bisognava trovare un nemico in quel momento e fu individuato nel MSI. Almirante  difese i giovani del suo partito e contemporaneamente difese la pace. Questo suo equilibrio lo impose al rispetto di tutti anche dei suoi nemici”. L’onorevole Teodoro Tascone, ha ricordato il lavoro fatto da Almirante nel Meridione: “Almirante era una grande anima che apparteneva alla Nazione ed oltre. Ha fatto grandi cose a Salerno e a Napoli dove , quando si è presentato, ha preso gli stessi voti della Democrazia  Cristiana”.  L’attrice Margi Villa Del Priore, che da bambina, negli anni ’70,  portava le rose sul palco di Piazza della Concordia  a Giorgio Almirante,  ha letto alcuni brani di libri dedicati ad Almirante scritti da Tatarella, da Assunta Almirante e da  tanti altri. “Almirante è sempre attuale”, ha precisato l’attrice salernitana che ha anche realizzato un film –  documento sulla storia dell’MSI salernitana. ” Me ne frego dall’MSI a oggi”. Luisa Memoli, vecchia militante del partito ha ricordato le emozioni vissute quando assisteva ai comizi di Almirante:”Li ho visti tutti.  Nel 1972 c’erano cinquantamila persone. Almirante arrivava al cuore e parlava con il cuore. Parlare di lui è come scorrere un album di famiglia. Fu un capo in un tempo difficile. Conosceva la gente e i suoi bisogni. Il rapporto con la nostra città è stato sempre quello di un amore mai tradito”. La signora Memoli ha  raccontato anche di quando Almirante partecipò al funerale di Carlo Falvella :”Ha pianto insieme alla famiglia. Questa sera Almirante  è con noi, con i suoi occhi chiari e il suo sorriso”. Le conclusioni sono state affidate  al Senatore Franco Mugnai, Presidente della Fondazione Alleanza Nazionale, che ha sottolineato l’attualità del pensiero politico di Almirante:”A questo ciclo  di  manifestazioni almirantiane sono sempre presenti tanti giovani   e questo ci induce a ritenere che vi è l’esigenza di ritrovare   le fila di  un pensiero comune forte. E’ un momento questo in cui c’è necessità di ritrovare  il senso di una politica che è fatta di valori, di una visione del mondo per la quale vale la pena di vivere. Le idee di Almirante sono di grande spessore  valide ancora oggi  a trent’anni dalla sua morte: i valori etici, la famiglia naturale, l’identità nazionale. La Fondazione è il volano di questo pensiero comune”. Durante la serata  è stato ricordato con commozione l’avvocato  Pippo Falvella,  proiettate alcune immagini dei comizi di Almirante in Piazza della Concordia dove si vedevano i giovanissimi Pippo Falvella, Sergio Valese, Cesare Festa, Vincenzo De Masi e tanti altri esponenti della destra salernitana. E’ stato  proiettato anche un interessante filmato:” Almirante l’arcitaliano” che ha raccontato la storia del politico e dell’uomo Almirante, rispettato da tutti.                                                                                  Aniello Palumbo

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->