Impresa dichiara 1 euro di ricavi: sequestro Gdf

Scritto da , 1 agosto 2014
image_pdfimage_print

Nel 2011 aveva dichiarato ricavi annui pari a un euro, pur essendo titolare di due siti produttivi in piena attivita’ nei comuni di Cicerale e Perdifumo, in provincia di Salerno. La Guardia di finanza di Agropoli ha eseguito un decreto di sequestro preventivo ‘per equivalente’, emesso dal gip di Vallo della Lucania, nei confronti di una nota impresa cilentana operante nel settore della produzione e commercio di calcestruzzi. Indagato, invece, per dichiarazione infedele il suo amministratore unico fino al 2012. La verifica fiscale svolta dalle Fiamme Gialle ha permesso di ricostruire l’effettivo volume di affari realizzato dall’impresa, facendo emergere gli ingenti redditi occultati al fisco, nonche’ l’Iva e l’Irap evasa: complessivamente, la materia imponibile sottratta a tassazione ai fini delle imposte sui redditi e dell’Irap e’ stata quantificata in oltre 2,7 milioni di euro, mentre l’evasione dell’Iva e’ stata quantificata in 540mila euro. Le indagini patrimoniali hanno spinto il gip a disporre il sequestro di oltre 1,3 milioni di euro. La misura preventiva e’ stata eseguita sulle somme rinvenute sui rapporti bancari intestati allo stesso amministratore dell’impresa, nonche’ su tre partecipazioni societarie detenute dalla medesima (tra cui il 50% delle quote nella holding con sede a Salerno che controlla la stessa impresa) a garanzia dei crediti erariali.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->