Imprenditore edile nei guai: evade l’Iva per 363mila euro

Scritto da , 21 novembre 2017

Pina Ferro

Imprenditore edile della Piana del Sele evade l’iva (imposta valore aggiunto) per un totale di 363.141 euro. Disposto il sequestro dei conti correnti per l’ammontare della somma da versare all’erario. Il sequestro delle somme è stato effettuato dagli uomini della Guardai di Finanza di Salerno, su disposizione del Gip del Tribunale di Salerno nei confronti di una società operante nel settore della commercializzazione all’ingrosso ed al dettaglio di materiale da costruzione e del suo rappresentante legale. Nel corso di un normale controllo fiscale eseguito dal Nucleo di polizia Tributaria della Guardia di Finanza, diretto dal colonnello Di Guglielmo è emerso che l’imprenditore, a seguito di rilascio di fatture per prestazioni erogate, aveva omesso il versamento dell’iva per 360mila euro. Atteso il termine ultimo per l’adempimento del versamento, i finanziari hanno proceduto come disposto dalla normativa in materia di evasione fiscale. Il legale rappresentante della società è stato di conseguenza denunciato all’autorità giudiziaria. Nel dettaglio, su richiesta della Procura, il Gip del Tribunale ha disposto l’adozione della misura cautelare reale (sequestro di beni) a garanzia del credito erariale con decreto di sequestro preventivo e per equivalente delle somme di denaro della società e delle disponibilità finanziarie e dei beni dell’indagato per un valore corrispondente all’imposta evasa. Il sequestro ha riguardato le disponibilità finanziarie depositate sui rapporti di conto corrente della società e del rappresentante legale per un ammontare di 363.141 euro. La società ha finora provveduto a versare all’erario la somma di 34.361,5 euro ottenendo dal Gip la revoca parziale del decreto di sequestro preventivo pari all’ammontare della somma corrisposta. Mom è da escludere che nei prossimi giorni l’imprenditore possa assolvere in toto al debito e quindi vedersi dissequestrate tutte le somme attualmente bloccate. Resterà comunque in piedi il deferimento all’autorità giudiziaria. I controlli da parte della guardia di finanza proseguiranno anche nelle prossime settimane e interesseranno tutti i titolari di aziende, liberi professionisti e imprenditori. La lotta all’evasione fiscale è uno degli obiettivi prioritari della Fiamme Gialle.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->