Impianto di biomasse a Case Rosse, Gianpaolo Lambiase: «Si verifichi»

Scritto da , 10 agosto 2017
image_pdfimage_print

Un vero e proprio affare che sta interessando molti comuni della provincia di Salerno, compreso quello capoluogo. Si tratta degli impianti a biomasse che, soprattutto nell’ultimo periodo, sembrano spuntare come funghi. L’ultimo caso, in ordine di tempo, è quello relativo all’impianto che dovrebbe essere realizzato sul territorio di Baronissi e contro il quale c’è stata una levata di scudi.

A quanto pare, però, anche Salerno ben presto avrà un suo impianto a biomasse, come denuncia il consigliere comunale di “Salerno di tutti”, Gianpaolo Lambiase: “Su segnalazione della locale sezione di Sinistra Italiana di Pontecagnano – si legge in una nota – scopriamo per caso che anche a Salerno, nella zona industriale in via Scavate Case Rosse, è in costruzione un nuovo impianto a biomasse.

Le “procedure semplificate” previste per ottenere l’autorizzazione a costruire, hanno fatto sì, che addirittura gli ammini- stratori comunali non fossero a cono- scenza della realizzazione dell’opera”. L’impianto sta sorgendo nel piazzale an- nesso (e di servizio) ad una attività pro- duttiva in zona Asi, che ha “chiuso i battenti”.

L’uso del piazzale è stato concesso attraverso la stipula di un contratto di locazione, da parte dei titolari della vecchia azienda.Oltre alle conseguenze negative per l’ambiente e per la comunità che abita in zona – sottolinea Lambiase – è doveroso porre altre domande: “può assistere l’Asi, impassibile, allo spezzettamento e/o smantellamento delle attività presenti in zona industriale, senza produrre proposte di riconversione e/o di riutilizzo funzionale dei suoli?; saranno più vigili gli Amministratori comunali, nel caso di altri impianti da realizzare sul territorio comunale?; prima della attivazione del- l’impianto, nell’interesse dei cittadini, è possibile verificare la “bontà” delle motivazioni che hanno autorizzato la nuova costruzione?”.

Secondo il consigliere comunale, la provincia di Salerno è ormai “terra di conquista”, perché “ci sono proposte di realizzazione o impianti addirittura in costruzione a Baronissi, Eboli, Serre, Giungano, Oliveto Citra, Paestum”.

“Tanti sindaci – specifica ancora Gian- paolo Lambiase – hanno manifestato con- tro le nuove centrali, consapevoli del fatto che si tratta di impianti ormai superati e sui quali si insiste per una questione me- ramente affaristica; sono inquinanti e

spesso non vengono rispettate le distanze tra le costruzioni e le civili abitazioni; infine, c’è necessità di continuo rifornimento, con camion, del materiale da bruciare”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->