Il solipsismo secondo Leonardo Manzan

Scritto da , 6 febbraio 2017
image_pdfimage_print

 

Convince lo spettacolo messo su dalla compagnia Bahamut con una straripante Paola Giannini

 

Di GEMMA CRISCUOLI

C’è posto per un unico solipsista al mondo, pensa Luigi. Peccato che non vi sia follia più frequentata di chi crede di essere la ragione di tutto. Applaudito presso il Centro Sociale di Via Cantarella nell’ambito della seconda stagione di Mutaverso, diretta da Vincenzo Albano, “It’s app to you-o del solipsismo” è lo spettacolo che la compagnia Bahamut dedica al legame tra reale e virtuale che sfumano l’uno nell’altro fino ad azzerare ogni diaframma. Leonardo Manzan, ideatore e regista, Andrea Delfino e Paola Giannini sono l’Algoritmo che controlla un gioco in rete (ma il suo dominio si estende anche alle ossessioni umane), il giocatore sorteggiato per risolvere il mistero di un omicidio e la ragazza uccisa che, obbedendo ai comandi dello smartphone di Luigi (indicato non a caso con 47, il numero del sorteggio: tutto è ridotto a mera funzione del programma), si muove tra indizi, supposizioni, intrattenimenti che scandiscono la ricerca del colpevole. Quello tra il pubblico e l’investigatore è un rapporto che oscilla tra distanza ed identificazione. È inizialmente seduto in platea, un uomo della folla inquietante proprio in quanto tale, per poi intervallare l’azione con sue riflessioni su di una solitudine che diviene pretesa di modellare cose e persone a piacimento. Come esorcizzare il cambiamento, la morte, quel disturbante rumore di sottofondo che sono le opinioni altrui? Riconoscendo il proprio ruolo di demiurgo. Ruolo di cartapesta, perché le parole e i movimenti della donna, doppiata da Algoritmo e creata ad hoc per divertire (nel senso originale di distogliere la mente da altro. Dalla propria sterilità, per esempio) metteranno in crisi 47. Da strumento, la ragazza diventa interlocutrice a tutti gli effetti fino ad assumere un’umanità e un disincanto che la rendono scomodamente vera, mentre l’uomo sarà inesorabilmente inghiottito dal gioco fino a non poterne più evadere. Luigi capirà che la giovane si è tolta la vita, ma come in una partita a carte truccate la vittoria si tramuta in sconfitta crudele. Lei sarà libera, sottratta al copione previsto, e il giocatore la sostituirà. Chi pretende di generare il mondo viene ridotto a ingranaggio di un meccanismo senza confini e senza pietà, alla ricerca del prossimo sfidante, anzi, della prossima preda. Neanche Algoritmo è libero, incarnato in ciò che controlla e che ne giustifica l’esistenza. Il virtuale è solo prolungamento ostinato di un’incapacità totale di pensare altro da sé. Non resta che ricominciare la partita: la trappola ha fame di altre vittime.

 

 

 

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->