Il sindaco Annunziata a processo per gli appalti del Comune

Scritto da , 17 luglio 2015

SAN MARZANO SUL SARNO. Inchiesta sui lavori pubblici appaltati dal Comune: un’assoluzione, una condanna e b 12 rinvii a giudizio. Inizierà il prossimo tre novembre, davanti al secondo collegio il processo che vede imputati molti esponenti dell’amministrazione del sindaco Cosimo Annunziata della precedente consiliatura. Rinviati a giudizio il sindaco Annunziata, il vicesindaco Pasquale Miranda, gli assessori Adolfo Canzio, Aurelio Calenda, il consigliere di maggioranza Michele Franza,  gli ingegneri Nicola Annunziata, marzanese di 64 anni, e Nunzio Ariano, 58enne d Torre Annunziata, gli imprenditori Ermanno Franza, responsabile della società cooperativa Contatto e fratello di Michele, Aurelio Arzeo e Michele Casalino, Pasquale Calenda e Giuseppe Positano. Condannata la 44enne ex assessore Pasqualina Forsellino a otto mesi di reclusione, pena sospesa, assolto per non aver commesso il fatto il suo collega di giunta e coetaneo Alfonso Tono.

Nei mesi scorsi, alcuni degli indagati erano stati raggiunti da provvedimenti cautelari. Una misura cautelare era stata richiesta lo scorso anno anche per il 53enne sindaco Cosimo Annunziata e per il 31enne consigliere di maggioranza Michele Franza: in questo caso il gip Paolo Valiante non prese in considerazione le richiesta del pm in quanto non procedibile per le cariche elettive, insomma non si può sospendere un sindaco né il consigliere comunale perché eletti a tale carica dagli elettori.

Le indagini riguardano alcuni appalti banditi o affidati direttamene dal Comune di San Marzano con procedure illegittime. Su questi appalti hanno indagato i carabinieri della stazione di San Marzano sul Sarno, e risalgono a lavori pubblici affidati tra il 2010 al 2013. Il sindaco, Miranda, Calenda, Canzio, Forsellino, Nicola Annunziata, Michele Franza furono  indagati per abuso di ufficio per l’affido del servizio gestione del verde cimiteriale e delle lampade votive nel 2010. Per turbativa degli incanti furono indagati Nicola Annunziata, Aurelio Calenda per l’affidamento dei lavori di adattamento di aule scolastiche e della sede del Comune in favore di una ditta. Sarebbero state aperte prima del dovuto le buste e su una ditta sarebbero state fatte pressioni affinché si ritirasse: alla fine, la ditta aggiudicataria dei lavori se li è assicurati con solo l’1% di ribasso. Sempre Nicola Annunziata e l’assessore Calenda sono indagati per abuso di ufficio per lavori alla casa comunale. Ariano è sott’inchiesta abuso d’ufficio e falso per i lavori della rete antincendio circa 50.000 euro alla scuola media Anna Frank affidata a una determinata ditta.

Nicola Annunziata e l’assessore Miranda furono indagati per abuso d’ufficio e falso per i lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza di alberi ad alto fusto nella scuola di piazza Amendola e nei dintorni.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->