Il ritorno da parroco di don Paolo alla chiesa di Mercatello

Scritto da , 8 settembre 2017

Don Paolo Carrano, che ha mosso i suoi primi passi proprio a Santa Maria a Mare in qualità di fedele, è tornato nella sua Mercatello in qualità di parroco del San Cuore di Gesù in Picciola.

Don Paolo ha officiato messa ieri per salutare, insieme a monsignor Galderisi, San Matteo che proseguiva nella sua Peregrinatio. A darne notizia il quotidiano Le Cronache oggi in edicola

Commosso ma sempre composto nel celebrare una funzione così importante proprio dall’altare della Chiesa in cui è cresciuto, insieme al fratello Daniele, sotto la guida spirituale di don Antonio. Il parroco di Santa Maria a Mare è stato sempre orgoglioso del suo ‘pupillo’ e ne ha, d’altronde, tutti i motivi.

Alle ore 21, poi, la compagnia teatrale della parrocchia di Mercatello ha presentato un atto unico di Eduardo de Filippo: “Peri colosamente”, e “Farmacia di turno”.

La rappresentazione teatrale è stata organizzata dall’oratorio di Santa Maria a Mare: ‘Impronte di Luce’. L’oratorio nasce dall’impegno dei giovani della parrocchia di Santa Maria a Mare, con l’intento di promuovere unione, dialogo, cultura all’interno del rione Mercatello e della città di Salerno.

«Il nostro progetto è aperto a tutti, anzi lo scopo principale è quello di rivolgersi a ogni persona di qualsiasi età e ceto sociale -è dato leggersi sulla pagina facebook dell’oratorio- “Il nostro motto è: ‘Non è importante chi sei, ma quello che vuoi essere!’ Perché siamo convinti che insieme si cresce, si condividono esperienze e si dialoga ascoltandoci gli uni con gli altri». Una realtà, quella dell’oratorio, nata da poco ma che grazie alla spinta e alla passione di tanti ragazzi sta ottenendo già tanti risultati: un piccolo passo per l’uomo, un grande passo verso la solidarietà per Mercatello.

Consiglia