Il Puc finisce in commissione trasparenza

Scritto da , 9 Luglio 2020
image_pdfimage_print

La revisione decennale del Puc, il piano urbanistico comunale, sotto la lente d’ingrandimento della commissione Trasparenza. Ad oggi, infatti, risultano definitivamente scaduti i termini relativi alle osservazioni dei privati in relazione ad ulteriori inderogabili adempimenti e pertanto si rischia di retrocedere nei tempi e di non approvare il puc in questa consigliatura, sebbene il piano urbanistico sia ormai scaduto da anni. A evidenziare anche le problematiche relative ai beni immobili a iniziale destinazione agricola è stato proprio il presidente della commissione trasparenza Antonio Cammarota secondo cui, proprio ai beni in questione, sarebbe stata imposta quella edificatoria con conseguenziale aumento dell’Imu e che non avrebbero realizzato alcuna opera, per i quali era stata richiesta in consiglio comunale e promessa la declassificazione col nuovo puc, rilevando a tal fine l’eventuale indebito di quanto pagato nelle more e quindi all’evidenza del danno erariale. E’ il consigliere Nico Mazzeo a chiedere di interpellare gli uffici e verificare ogni cosa mentre il capogruppo del Psi Massimliano Natella itiene che in mancanza di approvazione definitiva del puc vada verificato se nelle more possano applicarsi o meno le modifiche attuate provvisoriamente, in particolare i comparti per i quali non è stato presentato nulla sono stati eliminati dal nuovo redigendo puc, e quindi sarebbe ingiusto pagare la imu edificatoria. La parola passa ora a Lupacchini, responsabile dell’ufficio tributi e all’architetto Pelosio, responsabile dell’ufficio urbanistica provvedere a chiarire tutti i dubbi emersi in merito alla revisione decennale del piano urbanistico comunale

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->