Il pm chiede 4 anni, Gerardo Soglia si infuria

Scritto da , 27 Novembre 2012
image_pdfimage_print

“Una condotta irrituale. Sono sorpreso e rammaricato: un fulmine a ciel sereno”. Il pm di Milano Luca Poniz ha chiesto la condanna a 4 anni di carcere del parlamentare salernitano Gerardo Soglia (attualmente iscritto al gruppo Misto, ex Pdl, foto), accusato di bancarotta fraudolenta in relazione al fallimento nel marzo 2010 del gruppo del turismo Buon Viaggio.
Il parlamentare sorpreso. Soglia, raggiunto telefonicamente, è rimasto letteralmente spiazzato. “Richiesta di condanna??Ma oggi non era fissata nessuna udienza”. Il deputato contatta il legale, Motta del foro di Vicenza, e qualche minuto dopo l’arcano è chiarito.”Il mio legale aveva chiesto il rinvio dell’udienza per legittimo impedimento. La comunicazione era stata fatta nei modi e nei tempi previsti dalla legge ma questa mattina (ieri per chi legge ndr) il processo si è tenuto regolarmente con il pubblico ministero che ha addirittura presentato le sue richieste al termine della requisitoria”. Gerardo Soglia rivela: “La richiesta del pm è arrivata senza aver ascoltato i testi della difesa e senza aver sentito il sottoscritto. Non riesco a comprendere come sia potuto accadere ciò. Trattato peggio di Berlusconi: la fase dibattimentale non si era conclusa, resta sbigottito. Dovrò subire un’ulteriore gogna mediatica senza aver avuto la possibilità di difendermi ed è questo che mi fa rabbia. Per il resto ho poco da dire: sono certo di uscire pulito da questa vicenda anche perché non ho commesso il fatto e soprattutto, nonostante quanto accaduto ieri, credo nella giustizia”.
Il fatto. Secondo la ricostruzione fatta dal pm, Soglia avrebbero distratto e dissipato il patrimonio della società turistica.
Nel mirino degli inquirenti c’è soprattutto una operazione del 6 novembre 2007, quando fu scorporato il ramo d’azienda Cafe Voyage, che comprendeva anche un immobile a Milano in viale Misurata (valore 4.182.800 euro). L’immobile sarebbe stato sottratto agli asset Buon Viaggio e conferito, attraverso più passaggi ad alcune società del deputato salernitano. Soglia acquistò in passato gli asset del gruppo Cit, il gruppo del turismo italiano, al centro di un’altra inchiesta per bancarotta della magistratura milanese e fallita con un buco di circa un milione. Gerardo Soglia è stato anche presidente del Pescara Calcio seguendo le orme del papà Peppino che aveva riportata la Salernitana in serie B nel 1990 dopo ventiquattro anni. Il 18 dicembre è fissata la prossima udienza con l’arringa dell’avvocato difensore?e, probabilmente, la sentenza dei giudici del Tribunale di Milano.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->