Il Pd prepara le Provinciali e rilancia il partito Tra i nomi spunta quello di Nicola Parisi

Scritto da , 4 settembre 2018
image_pdfimage_print

Andrea Pellegrino

Elezioni provinciali e rilancio del partito, il Pd s’incontra per fare il punto della situazione. Ieri pomeriggio il segretario provinciale Enzo Luciano ed il deputato Piero De Luca hanno chiamato a raccolta i sindaci della provincia di Salerno. All’ordine del giorno il primo appuntamento elettorale con il rinnovo del presidente della provincia di Salerno. Per ora nessun nome scoperto anche se sono in molti che ambiscono alla carica. Nella rosa ci sono sicuramente, Giuseppe Lanzara (Pontecagnano Faiano), Enzo Servalli (Cava de’ Tirreni), Francesco Morra (Pellezzano) e Mimmo Volpe (Bellizzi). Ma non si esclude neppure un impegno del primo cittadino di Buccino Nicola Parisi che di recente conduce la battaglia contro la delocalizzazione delle Fonderie Pisano nel proprio comunale. Luciano annuncia prossimi appuntamenti con amministratori locali per definire la strategia e quindi il nome da proporre. Piero De Luca, invece, pensa al rilancio del partito. Il deputato ha proposto «incontri tra la gente» e recupera l’idea delle Feste de L’Unità anche nella città di Salerno. Poi attacco al governo e soprattutto alle politiche di Matteo Salvini. Quanto al piano locale, De Luca jr ha promesso un impegno per il rilancio dell’aeroporto di Pontecagnano Faiano e per le infrastrutture provinciali e cittadine. A partire dalla Porta Ovest, utile – dice: «a decongestionare il traffico veicolare lungo il Viadotto Gatto». Analisi della situazione politica ed amministrativa anche da parte dei consiglieri regionali Cascone ed Amabile e dal vicepresidente Fulvio Bonavitacola alle prese con una possibile nuova emergenza rifiuti. Ma il numero due di Palazzo Santa Lucia avrebbe rassicurato tutti: «Stiamo lavorando bene». Un incontro, dunque, per serrare le fila in attesa di conoscere il candidato presidente della provincia di Salerno. Il primo appuntamento è per fine ottobre; ad inizio 2019, invece, si rinnoverà il consiglio provinciale. Poi l’attenzione sarà rivolta alle elezioni europee e alle amministrative. La prossima primavera vedrà il turno elettorale amministrativo più imponente, con numerosi comuni chiamati a rinnovare sindaco e consiglio comunale.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->