Il fascismo è anticostituzionale. Forza nuova si “ribella” colpendo a pugni una ragazza

Scritto da , 16 Dicembre 2018
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Insulti sessisti a due ragazze del liceo Alfano I di Salerno, aggredite da alcuni esponenti della sezione giovanile del partito di estrema destra Forza Nuova, lotta studentesca. A denunciare l’accaduto il coordinatore regionale Unione degli Studenti Campania. Una delle vittime del terribile ed ignobile episodio è stata aggredita verbalmente, con insulti sessisti, da un gruppo di esponenti del movimento fascista. La giovane ha tentato di reagire ma è stata aggredita da persone più grandi di lei che le hanno sferrato diversi pugni in faccia, più volte.
Lo scontro fisico è avvenuto dopo un’accesa discussione sul fascismo che, come ha ricordato la ragazza vittima della barbaria di Forza Nuova, «è anti costituzionale e che in nessun luogo, nessuna strada, nessuna scuola, c’è spazio per chi semina e alimenta odio». Una discussione che poteva avere conseguenze ben più gravi. Le due giovani studentesse hanno contrasto i camerata dopo che questi ultimi si aggiravano tra gli studenti distribuendo fogli agli studenti dell’Alfano I, dopo l’orario di lezione: “C’era la solita propaganda razzista e xenofoba, che punta il dito contro gli ultimi, contro i più poveri, ma noi siamo consapevoli di come si possa speculare su questi temi ed è per questo che rigettiamo con forza l’ondata di razzismo che vogliono far insinuare anche nei luoghi della formazione – ha reso noto l’Unione degli Studenti – Non abbiamo intenzione di piegarci all’ennesimo atto di terrorismo fascista, abbiamo visto in cosa consiste la loro essenza, squadrismo, violenza, aggressioni contro i minori senza la minima vergogna”. Il coordiantore regionale del collettivo studentesco esprime piena solidarietà ad Anna e Roberta, le due ragazze aggredite. “Salerno è e sarà sempre Antifascista”, conclude il comunicato dell’ Unione degli Studenti Campania. Intanto, la dirigente scolastica ha annunciato l’intenzione di chiedere un presidio permanente delle forze dell’ordine dinanzi l’istituto scolastico in questione, per prevenire altri episodi simili. Intanto, tanti sono stati i messaggi di solidarietà rivolti alle due giovani studentesse e l’associazione Marea ha annunciato una protesta dinanzi l’Alfano I in programma per lunedì, alle 8.30: “Il fascismo non è un fantasma. Il fascismo è reale e va combattuto, esattamente come hanno fatto le due ragazze del liceo Alfano I stamattina opponendosi alla diffusione di volantini a contenuto razzista, fascista, xenofobo. Oltre a ricevere insulti sessisti le due studentesse hanno dovuto difendersi da aggressioni fisiche da parte di due ragazzi (più grandi di loro) appartenenti a Forza Nuova – ha detto l’associazione – Salerno è come Anna e Roberta, Salerno è antifascista”.
«Pienamente solidale con le due ragazze del Liceo Alfano I che sono state vittime di aggressione da chi, credo, non sappia proprio di cosa si stia facendo portavoce», ha dichiarato la consigliera comunale Paola De Roberto. «Purtroppo oggi parla di Fascismo chi non può avere una conoscenza reale e profonda di ciò che é stato e di quello che ha rappresentato, poiché non é #memoria diretta e non ha più la possibilità né la voglia di confrontarsi con chi lo é stato», ha poi aggiunto.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->