Il Comune non rispetta i patti. Pietrofesa annulla la Fiera di Sant’Anna

Scritto da , 18 luglio 2015

La Fiera di Sant’Anna è stata annullata. La decisione è dell’organizzatore Ciro Pietrofesa. Alla base il mancato rispetto, a dire dell’organizzazione, degli accordi con Palazzo di Città. Pietrofesa preferisce non affondare il colpo, per il momento, “Non chiedetemi il perchè. Non voglio sollevare polemiche. Ora ho tutti i fornitori, gli ospiti e gli artisti che avevo invitato da avvisare quindi, vi prego, non fatemi rilasciare dichiarazioni di cui potrei pentirmi. Ne voglio parlare a mente lucida e ora non è il caso quindi preferisco chiudere la questione con un secco “no comment. Artisti a cui avevamo dato anche un anticipo che abbiamo perso”». Ciro Pietrofesa è presidente dell’Anva provinciale – l’associazione dei venditori ambulanti di Confesercenti – nonchè dell’associazione “Salernitanarte”. Da nove anni organizza la festa di sapori e musica sul lungomare Marconi, a Torrione. Tutto sarebbe dovuto cominciare oggi quando la “Fiera di Sant’Anna e dei Sapori del Mare” avrebbe dovuto aprire i suoi battenti nello spazio che ormai da diversi anni – da quando, cioè, il sottopiazza della Concordia è stato rifiutato agli organizzatori – sfrutta per allestire il villaggio del gusto, della danza e della risata com’è quello dove centinaia di salernitani, ogni anno, passano le loro serate di fine luglio”. Come negli anni scorsi il Comune concedeva a Pietrofesa il service e il palco per gli spettacoli musicali e, sempre come forma i contributo indiretto, il suolo in maniera gratuita. Accordo che a dire degli organizzatori non sarebbe stato rispettato. prima è stato negato il service e il palco. Risolto a proprie spese questo problema Pietrofesa si è sentito chiedere dal Comune 4mila euro per l’occupazione del suolo pubblico. Un’ulteriore spesa non prevista che ha costretto a malinciore a Pietrofesa di annullare tutto. Tappezzata la zone orientale di manifesti.

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->