Il bando invisibile per le case sociali

Scritto da , 31 agosto 2014
image_pdfimage_print

di Francesco Carriero

Il Comune mette a disposizioni alloggi per le famiglie bisognose, ma senza fare la dovuta pubblicità. Ad agosto, è noto, si è distratti dall’incombere delle vacanze e poco si bada a notizie del genere. La cosa però non è sfuggita al consigliere comunale di Forza Italia Giuseppe Zitarosa, che denunci il comportamento quanto meno anomalo dell’ente sulla questione. Per Zitarosa ci sarebbe stata una certa malizia nel scegliere il periodo di pubblicazione del bando di assegnazione degli alloggi da parte degli organi di Palazzo di Città: «Sottopongo agli organi di stampa – scrive in una nota il consigliere – il bando per l’assegnazione di appartamenti di cooperative private che ritengo volutamente pubblicato nel mese di agosto dal Comune di Salerno, affinché fosse poco visibile. Si tratta non di abitazioni di edilizia popolare ma di cooperative private che hanno beneficiato di fondi regionali e il cui 20% di esse (all’incirca 30 abitazioni) possono essere affidate dal Comune di Salerno». A far insospettire Zitarosa è quindi proprio la scelta del comune di render pubblico il bando nel mese di agosto, senza essere accompagnato da alcun tipo di pubblicizzazione, rendendolo quasi invisibile ai potenziali fruitori degli appartamenti: «Mi chiedo: perché il bando non è stato regolarmente pubblicizzato visto che il periodo di pubblicazione è di soli 30 giorni? Il bando è on line sul sito del Comune di Salerno dal 5 agosto 2014 con scadenza il 5 settembre. Quanti tra i possibili beneficiari ne sono realmente venuti a conoscenza? Come avrebbero potuto, le persone meno abbiente, conoscere una tale importante iniziativa senza un minimo di informazione da parte dell’Ente Comune?». Appare ancor più anomalo agli occhi del consigliere comunale, la scelta, pubblicata nel bando, di verificare la veridicità delle documentazioni da presentare per accedere alla fruizione delle abitazioni, attraverso un’estrazione casuale dei fascicoli. La procedura di controllo delle autocertificazioni risulta così superficiale oltre che anomala: il bando in questo modo presta il finco a qualche “furbetto” abbastanza fortunato da non esser “pizzicato”: «Cosa ancora più strana – continua il capogruppo di Forza Italia – è che la verifica della veridicità delle autocertificazioni allegate alla domanda, verranno estratte a campione. Una pratica alquanto superficiale». I cittadini interessati avranno tempo solo fino al 5 settembre per preparare e consegnare le domande, che potrebbero risultare veramente scarse vista la quasi “segretezza del bando: «I concorrenti – conclude Zitarosa – devono possedere un reddito imponibile complessivo annuo di 15.987,32 euro e inviare a mezzo raccomandata entro le ore 12 del 5 settembre la propria domanda all’Archivio Generale del Comune. Ora mi chiedo: come si possono tenere così sotto tono notizie di questo tipo quando sappiamo che centinaia di famiglie salernitane vivono in condizioni precarie, soprattutto dal punto di vista abitativo? De Luca approfitta dei mezzi di informazione solo per i suoi show, solo per i suoi tagli del nastro, solo per le sue inaugurazioni di progetti a metà. Dico basta a tanta superficialità, perché la gente non ne può più, perché è ora di guardare in faccia la realtà fatta di un’Italia senza lavoro, di cittadini senza un reddito adatto ai propri bisogni e di politici che vanno avanti a suon di slogan».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->