I funerali del bassista Antonio Pucciarelli stroncato da un malore

Scritto da , 18 giugno 2015

Una folla silenziosa e commossa ha dato l’estremo saluto ieri mattina presso la chiesa “Cuore Immacolato di Maria” nel quartiere pastena al giovane musicista, Antonio Pucciarelli, bassista dei Nude, Electro Gothic band di Salerno . La liturgia funebre è stata celebrata dal parroco Don Andrea Vece che ha cercato di trasmettere un messaggio di speranza ai tanti presenti che increduli e addolorati hanno affollato i banchi della chiesa. Tanti volti, amici di Antonio , dell’ambiente heavy rock metal salernitano hanno accompagnato il proprio amico, conosciuto da tutti come una persona buona e leale, nel suo ultimo viaggio. Antonio è stato stroncato nella mattinata di giovedì da un infarto nella propria abitazione, a detta di molti l’uomo era già sofferente e da qualche giorno accusava un malessere, ma nulla lasciava presupporre un così tragico epilogo. Amici , conoscenti si sono stretti attorno al dolore della famiglia di Antonio: della moglie Ines e del figlio dicianovenne Marco, della mamma Nicoletta, del padre Marco e del fratello Alfonso. Tanti i messaggi di affetto e cordoglio nei confronti del musicista : da parte dei Free Bikers “Quelli di sempre” ” Il presidente , il Consiglio e i soci tutti si associano al dolore che ha colpito la famiglia Pucciarelli per l’immatura ed improvvisa scomparsa del caro Antonio”. Antonio infatti oltre a dedicarsi alla musica, coltivava anche una grande passione per le bici. Messaggi sono arrivati anche dai compagni e compagne del C.S.A. Jan Assen e dalla direzione e da tutti i colleghi della Salernopulita . L’uscita del feretro è stata accompagnata da un lunghissimo applauso, tutti gli amici si sono stretti attorno al feretro per salutare il proprio amico e hanno cercato di dare conforto alla moglie Ines e al figlio Marco . Un surreale silenzio è sceso nel piazzale antistante la chiesa , rotto solo dal pianto dei tanti che non riescono a farsene una ragione di una morte così improvvisa e assurda. Anna Santimone

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->