Ideal Standard, anche Cirielli porta il caso in Parlamento

Scritto da , 21 marzo 2016
image_pdfimage_print

Interrogazione parlamentare di Edmondo Cirielli sul caso Ideal Standard. Il deputato salernitano dei Fratelli d'Italia ha interrogato i ministeri del lavoro, dell'ambiente e della salute in merito a quanto raccontato dagli ex operai dello stabilimento industriale di Salerno. «A dicembre 2015 – dice Edmondo Cirielli – risale l'ultimo decesso per tumore, che si aggiunge a una lista di 60 casi di morti negli ultimi 20 anni: una strage silenziosa che ha sterminato gli ex operai della Ideal Standard di Salerno. La fabbrica, attiva nella produzione di sanitari, è stata chiusa nel 1998 e in quel momento contava 214 lavoratori, quasi tutti impiegati in attività a contatto con l'amianto, presente negli impasti delle ceramiche, nel rivestimento del tetto dei capannoni, nei forni della cottura e della ricottura dei pezzi «intaccati e riparati» e nella coibentazione dei tubi di aerazione, trasmissione, acqua e vapore». « Si apprende – prosegue Cirielli –  di operai esposti a rischio amianto e materiali contaminati nascosti sottoterra, in spregio alle norme sullo smaltimento dei rifiuti speciali e contro ogni logica di tutela della salute pubblica; è quello che sarebbe avvenuto nell'ex Ideal Standard, una vicenda portata allo scoperto dalle dichiarazioni degli operai e su cui si sarebbero accesi i riflettori della procura». «Questa storia – aggiunge l'onorevole Cirielli –  e la sua scia di morti e malattie comincia il 10 luglio 1998, quando gli operai della fabbrica di sanitari vengono a conoscenza della chiusura dell'area industriale e si arrendono senza lottare, incantati dalla promessa di un reimpiego nel nascente «Sea Park», il parco acquatico che avrebbe dovuto nascere su quei suoli grazie all'arrivo di capitali freschi di un consorzio delle cooperative «rosse» emiliane. L'area è stata venduta alla Sea Park spa, con il vincolo di ricollocazione degli ex dipendenti, a cui, nel frattempo, sarebbe stato assegnato un lavoro ingrato: interrare nelle vasche la risulta dello smembramento della fabbrica e finiscono così per toccare l'amianto con opere di smantellamento dal 2000 al 2004». «Alcuni ex operai dell'Ideal Standard – dice ancora l'ex presidente della Provincia di Salerno –  sono stati richiamati al lavoro per sistemare gli ex capannoni industriali da destinare all'allora nascente progetto Sea Park. Parrebbe che tutto l'amianto esistente nel sito industriale — quello da lavorazione e tutto quello del tetto dei capannoni — senza nemmeno essere stato incapsulato, sia stato interrato e coperto da cemento. Il "tombamento" illegale di metalli pesanti, quali l'amianto, nel caso d'inquinamento di falde acquifere, potrebbe essere causa di una vera e propria strage tra la popolazione. In questo panorama, poi, è gravissimo che gli ex lavoratori dell'Ideal Standard debbano invocare tutela nelle sedi giudiziarie — la prossima udienza si terrà il 12 gennaio — solo perché la politica e gli enti hanno poco considerato la pericolosità della questione e poco o niente hanno fatto per evitare rischi per la salute e per l'ambiente: è vero, infatti, che da pochissimo tempo si sta parlando di verificare lo stato dei luoghi nello stabilimento di Salerno»; nella documentazione raccolta dai legali cui si sono rivolti i lavoratori si testimonia un contatto con agenti tumorali già nel corso dei processi di lavorazione, ad esempio con l'utilizzo di talco sui pezzi danneggiati e l'impiego di corde in amianto per i vagoncini che conducevano ai forni; come se ciò non bastasse, a Salerno molto di quel materiale, secondo la denuncia dei lavoratori, potrebbe essere finito nel terreno».   «Appare necessario, e non più rinviabile – conclude Cirielli –  un intervento urgente sulla questione sia a tutela degli ex lavoratori dell'Ideal Standard, sia, e più in generale, a tutela dei cittadini per quel che attiene il sotterramento illegale di metalli pesanti; la sicurezza sui posti di lavoro dovrebbe essere inserita come priorità nelle agende delle istituzioni locali e nazionali». Questa mattina, intanto, presso la sede della Confesercenti di Salerno, a partire dalle ore 9,30, sul caso Ideal Standard si confronteranno istituzioni, sindacati ed ex operai dello stabilimento. Al centro del dibattito: "La sicurezza sui luoghi di lavoro". 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->