I rifiuti sono ormai di casa a Pagani

Scritto da , 9 Ottobre 2012
image_pdfimage_print

 Non c’è più da stupirsi: il problema dei rifiuti si protrae ormai da tempo. E già, per qualche mese si è pensato che fosse stato risolto, ma purtroppo bisogna farci l’abitudine e conviverci. I rifiuti fanno parte “dell’arredo urbano”, e infatti in molte zone di Pagani fanno da cornice, si potrebbe proprio dire “Un bel quadro di sporcizia “. In alcune strade Paganesi, come per esempio via Bartolo Mangino, meglio conosciuta come “Prolungamento”di Pagani, per modo di dire si butta la spazzatura, perché in molti se la ritrovano fuori ai portoni di casa, lungo i marciapiedi delle abitazioni, dove non è possibile camminare a piedi. E, ovviamente, l’aria diventa irrespirabile, insetti, formiche e ratti trovano un habitat in cui rifugiarsi. Si crea una catena: da un problema ne scaturiscono altri e cosi via. Alcuni abitanti, poi, residenti nei parchi sono stati multati perché avevano gettato i rifiuti in giorni in cui la raccolta non era prevista. Molti sono ancora i cittadini che non sanno “reciclare”, e questo forse è da attribuire al poco materiale informativo in circolazione. Bisogna prima educare le persone a fare una raccolta appropriata, e poi far appello al buon senso di tutti e continuare a far capire alla gente di non depositare i rifiuti che non sono previsti dalla raccolta giornaliera e di attenersi al programma settimanale. Possibile mai che non ci sia via d’uscita?! Il comune ed i cittadini dovrebbero rappresentare un’unica voce, ma cosi non è perché non c’è cooperazione. Un po’ di buona volontà, educazione e coesione e forse questo annoso problema potrebbe risolversi.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->