I piccoli alunni della scuola di Montecorvino Pugliano a confronto con Parmitano

Scritto da , 25 Maggio 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Un viaggio virtuale nello spazio. E’ quello che hanno fatto lo scorso 19 Maggio gli alunni delle classi IV e V della scuola Primaria Capoluogo dell’Istituto Comprensivo Montecorvino Pugliano. Le due classi di piccoli allievi infatti, sono state le uniche del Sud Italia ad essere selezionate per un evento live online davvero speciale: un incontro con il colonnello Luca Parmitano, astronauta dell’Esa. Parmitano è stato il primo italiano ad effettuare un’attività extraveicolare il 9 luglio 2013, con 6 ore e 7 minuti di passeggiata spaziale. È il primo italiano (e il terzo europeo) al comando della Stazione Spaziale Internazionale (ISS) durante la Expedition 61. È stato selezionato come astronauta ESA nel maggio 2009. Viene incluso nell’equipaggio di riserva della missione Expedition 34, e infine selezionato come ingegnere di volo per le missioni Expedition 36 ed Expedition 37. Il 28 maggio 2013 è partito con la Sojuz TMA-09M dal Cosmodromo di Bajkonur, Kazakistan, in direzione della Stazione Spaziale Internazionale. Una giornata davvero speciale per i bambini, entusiasti di poter incontrare in videoconferenza l’astronauta, un eroe moderno non solo per loro ma anche per i più grandi. Gli alunni sono stati accompagnati in questa videoconferenza a distanza dalla loro dirigente scolastica, Maria Rosaria Mirra e dalle docenti Laura Sica per la classe quinta e Angela Marino per la classe quarta. Tutti presenti ad ascoltare le parole de “l’uomo delle stelle”, ad immaginare lo splendore del Pianeta visto dall’alto. Luca Parmitano ha parlato di affetti, di ambiente, di futuro, di speranze e impegno. Tante, tantissime le domande che gli studenti della scuola salernitana hanno formulato a Luca Parmitano, che ha risposto con grande entusiasmo a tutte le curiosità. Volare, fluttuare nello Spazio, vedere la Luna da vicino, diventare astronauta. Se esiste una cosa che i bambini sanno fare meglio degli adulti è sognare. E la possibilità di poter parlare con colui che le stelle le ha viste da vicino è stato per tutti loro un vero sogno che si è realizzato. Emozionatissimi i piccoli discenti hanno potuto ascoltare le risposte alle loro domande, tutti in silenzio, per non perdersi neanche una parola di quello che Parmitano raccontava loro. Tra le curiosità che i piccoli, che hanno avuto modo di preparsi adeguatamente grazie alle loro maestre, hanno voluto sapere dal colonnello se gli era mai capitato di essere deriso per il suo sogno di diventare astronauta quando era bambino? Ovviamente Parmitano ha risposto “Assolutamente sì – ma in quegli anni tutti i bambini lo desideravano” E poi ancora gli hanno chiesto come avrebbero dovuto reagire quando qualcuno li prende in giro per i loro sogni? Ed ancora cosa si può fare per salvare la terra, oppure se ha ancora voglia di tornare nello spazio e se vorrebbe volare con la starship. Tanti i momenti di riflessione che hanno accompagnato gli alunni in questo meraviglioso viaggio spaziale! “fare quello che si ama, ma soprattutto amare quello che si fa!”

 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->