I like di una foto: come prenderne di più

Scritto da , 2 maggio 2014

Il fenomeno dei social network  ormai molto diffuso, si è sviluppato in questi anni attorno a tre grandi filoni tematici: l’ambito professionale, quello dell’amicizia e quello delle relazioni amorose con lo scopo principale di relazionarsi con persone con gli stessi interessi, ma anche per riprendere i contatti persi.

Il social network è visto anche come intrattenimento dove si pubblicano pensieri, notizie e foto, ed è proprio per la pubblicazione di una fotografia personale che è cresciuto a dismisura l’interesse di quanti like, retweet o commenti si ricevono sia su Facebook, Instagram o Twitter.

Secondo uno studio condotto da Nikon COOLPIX assieme all’Università della California (Berkeley), ha indicato a 500 persone, 35 foto diverse fra loro per qualità e soggetti, le foto di maggior successo sono state quelle di paesaggi, animali e cibo.

Ad incidere invece ad avere poche reazioni, sono le immagini a bassa risoluzione o sfocate.

Il Dott. Paul Piff, che ha guidato il team di ricerca, ha dichiarato: “Quando abbiamo chiesto ai partecipanti a quali foto avrebbero dato un “Mi piace” su Facebook, abbiamo anche valutato come si sentivano dopo aver osservato l’immagine. Il legame più forte con il “Like” è venuto da foto che hanno ispirato lo spettatore, come possono essere dei paesaggi, rispetto a foto con dentro persone, che hanno maggiori probabilità di far sorridere piuttosto che ispirare. Allo stesso modo, una bassa qualità dell’immagine può suscitare una emozione negativa. Foto di persone con gli occhi rossi, scene mal illuminate o facce sfocate, abbattono notevolmente l’interesse verso l’immagine.”

Un altro studio condotto, è stato quello di tre studenti del Mit, (Massachusetts Institute of Technology di Boston), di 54 pagine utile a predire il successo in rete di una fotografia in base agli elementi che la compongono.

Dopo aver analizzato 2,3 milioni di foto, dichiarano che il successo di questa dipenda molto dalla composizione dei colori e dei soggetti presenti.

“Qualcuno ha 10 amici, altri migliaia”, spiega uno degli studenti, “Malgrado queste differenze, è interessante vedere che il contenuto della foto può essere usato per prevedere quanto popolare sarà quella foto”

Così dai risultati esce fuori che fotografie con reggiseni, minigonne, e tazze da tè hanno un forte impatto sulla celebrità della foto.

Anche i colori sono importanti, infatti niente colori tendenti al verde e al blu-grigio, meglio puntare su colori accesi e vivi come il rosso.

I tre studenti hanno messo on line un tool per calcolare un punteggio da assegnare alla foto che va da uno 0 come minimo a 7 circa come massimo.

Cliccando sul simbolo “?”, appare una spiegazione che afferma: il punteggio non sempre è accurato e non potrà rivelare esattamente la popolarità della foto, ma l’importante è il punteggio relativo tra due foto. Quella che ha il punteggio più alto è la foto giusta da pubblicare.

Tu cosa ne pensi?

In realtà la risposta sta nel numero di persone che ci segue sul social, che ci piaccia o meno è quasi sempre quello che determina, in percentuale, il numero di like che una nostra foto riceverà.

 

di Letizia Giugliano

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->