I fedeli accusano don Angelo, il sacerdote in religioso silenzio

Scritto da , 29 maggio 2018
image_pdfimage_print

Erika Noschese

Iniziare la messa domenicale senza attendere l’arrivo della sposa è stato solo l’ultimo degli episodi a cui don Angelo sembra aver ormai abituato i fedeli della chiesa Maria Santissima del Rosario di Pompei, a Mariconda. Così, dopo quanto accaduto i fedeli continuano a dividersi in due, tra sostenitori e accusatori. Ma se fino a domenica sera i parrocchiani sembravano propensi a prendere le difese del sacerdote ora la situazione sembra essersi capovolta. Dunque, il numero dei fedeli infuriati aumenta sempre di più, così come le accuse lanciate a don Angelo, reo – a quanto pare – di allontanare, con il suo comportamento, le persone dalla chiesa. Il sacerdote, dal canto suo, sembra essersi chiuso in un religioso silenzio, senza repliche né tentativi di giustificare non solo il comportamento tenuto nel corso della celebrazione di domenica ma anche gli atteggiamenti che lo contraddistinguono, pur nella consapevolezza di allontanare i fedeli. Certo, era la messa dedicata ai fedeli ma si sa, la sposa – almeno in quell’occasione – ha il diritto di arrivare in ritardo e il minimo che possa fare un sacerdote è attenderla. Del resto, è pur sempre il giorno più importante nella vita di un uomo e di una donna che decidono di unirsi nel sacro vincolo del matrimonio. Ad accusare don Angelo anche la famiglia della sposa che – nella serata di domenica – proprio tra le colonne di Cronache ha dichiarato di non gradire i comportamenti del nuovo parroco che «sta facendo di tutto per allontanarci e sta chiudendo le porte della sua chiesa non includendo e con i suoi atteggiamenti». Tra le accuse lanciate a don Angelo, infatti, quella di non aprire le porte della sua parrocchia per la funzione religiosa della domenica sera ma soprattutto di dar inizio alla messa, durante i riti funebri, senza la salma presente in chiesa, con il conseguente veto ai parenti di non inserire nulla di proprio all’interno della funzione. Quindi vietate lettere, pensieri da leggere. Situazioni nuove e poco tollerabili per i fedeli di Mariconda che sembrano non aver davvero gradito l’arrivo di don Angelo. La polemica si è scatenata anche sui canali social, dividendo anche in questo caso gli utenti tra gli afferma che il sacerdote ha fatto bene a dar inizio alla messa e chi invece lancia accuse.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->