I custodi dei campi gestiti dalla Figc minacciano lo sciopero: gare a rischio

Scritto da , 2 marzo 2016
image_pdfimage_print

Rischiano di trovare i campi chiusi le società dilettantistiche del comune di Salerno. I custodi delle strutture sportive hanno deciso di incrociare le braccia perché reclamano cinque mesi e mezzo di mensilità. In particolare la problematiche riguarda le strutture sportive che da qualche anno sono in gestione della Figc – Comitato Regionale Campano. Con il commissariamento la situazione dei dipendenti che svolgevano attività presso i tre campi gestiti dalla Federazione – De Gasperi, Settembrino e XXIV maggio -è andata gradualmente peggiorando. Se durante il mandato del presidente Pastore nessuna problematica era emersa per quanto concerne il regolare pagamento delle spettanze, negli ultimi tempi si è assistito ad una graduale inversione di tendenza. Cinque mesi e mezzo senza stipendio con famiglie che iniziano a fare fatica ad andare avanti. Dopo numerose sollecitazioni, senza risposte esaurienti, la decisione di un gesto clamoroso che in qualche modo attiri l’attenzione di chi finora non ha ascoltato le loro ragioni. Le squadre di calcio potrebbero così trovare i cancelli sbarrati dei tre campi e diverse partite dei campionati dilettantistici e giovanili, in programma nel week end, potrebbero clamorosamente saltare. Davanti ad alcune strutture sono stati apposti anche striscioni di protesta. La sitiuazione è incandescente e nelle prossime ore potrebbe precipitare definitivamente. 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->