I commercialisti contro la Regione Campania. Fulvio Bonavitacola ospite di “Diritto e Rovescio” su Rete 4

Scritto da , 16 Aprile 2021
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

E’ ormai guerra tra i commercialisti salernitani e la Regione Campania. Ospite del programma “Diritto e Rovescio” su Rete 4, il vice presidente Fulvio Bonavitacola ha ribadito che la categoria non è tra le prioritarie da vaccinare. Una polemica sollevata ormai diverse settimane fa e che va avanti ancora oggi. Da Palazzo Santa Lucia nessun passo indietro: nel piano della vaccinazione anti covid i commercialisti non saranno inseriti, non a breve termine almeno. Tra i temi affrontati sulla rete Mediaset, di fatti, l’avanzamento della campagna vaccinale in questa settimana, considerata decisiva anche per prendere decisioni rispetto al possibile allentamento delle misure anti-Covid, la situazione economica delle categorie più colpite e le strategie da mettere in campo per salvare la stagione estiva. A seguire, ancora ampio spazio al tema delle riaperture. Focus, inoltre, sulle proteste di piazza che hanno coinvolto tutte le città italiane nei giorni scorsi, sfociando talvolta in momenti di forte tensione. Poi un’intervista a tutto tondo a Mauro Corona e a Sandra Milo e un dibattito in merito alle categorie a cui dare la precedenza nelle vaccinazioni: dopo la decisione del commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo di procedere per età, immunizzando subito la popolazione più fragile, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca ha annunciato invece di voler continuare per categorie, dando priorità ai settori economici, tra cui quello del turismo. Se ne parlerà con il vicepresidente della Regione Campania Fulvio Bonavitacola. Tra gli ospiti della puntata anche la presidente dei senatori di Forza Italia Anna Maria Bernini, i deputati Alessia Morani (Pd) e Andrea Del Mastro. Il conduttore ha poi ascoltato alcuni titolari di stabilimenti balneari che hanno puntato il dito contro la Campania: “Non è una regione a parte”, hanno dichiarato, contestando le parole del governatore De Luca che, nei giorni scorsi, si è reso protagonista di una querelle con il commissario straordinario per l’emergenza, il generale Figliuolo. Il presidente ha infatti ribadito di voler procedere per categorie economiche mentre il piano nazionale prevede di procedere per fasce d’età. A sollecitare il governatore De Luca anche un albergatore italiano: “Abbiamo un piano vaccinale stabilito a livello nazionale, occorre seguirlo per riaprire in sicurezza ma in contemporanea, senza competizione alcuna tra le varie città e regioni”, ha detto l’albergatore, precisando che se così non fosse ci sarebbe una “concorrenza sleale”. “Il governo nazionale, in una data del calendario di quest’anno, ha messo una crocetta per dire che da quel momento in poi si pensa al rilancio dell’economia?”, ha chiesto Bonavitacola spiegando che ci sono centinaia di migliaia di aziende che rischiano il fallimento, rilanciando la proposta di De Luca delle isole Covid free in vista della stagione estiva. Nel frattempo, i commercialisti continuano a chiedere i vaccini, come hanno confermato ieri sera a Rete4: “Noi vogliamo cercare di salvare il maggior numero possibile di aziende, non vogliamo scavalcare nessuno”, hanno dichiarato.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->