I comitati cittadini di Canalone e Sichelgaita chiedono le dimissioni di Annunziata

Scritto da , 6 dicembre 2013

«Andrea Annunziata si dimetta». Sono indignati i cittadini di Canalone e di Sichelgaita dopo le dichiarazioni del presidente dell’Autorità Portuale di Salerno durante la celebrazione di Santa Barbara, svoltasi all’interno del cantiere di Porta Ovest. Andrea Annunziata aveva dichiarato: «Se mi trovassi nella condizione di poter perdere finanziamenti per via della lentezza delle procedure, non esiterei ad andare avanti anche senza pareri». Dichiarazioni, queste che non sono passate inosservate ai comitati dei cittadini di Sichelgaita e Canalone e al “No Traforo”. «Le affermazioni del presidente Annunziata – sostengono i comitati di quartiere Canalone e Sichelgaita e il No Traforo – sono espressione di un atteggiamento culturale lontano anni luce dal principio di legalità e democrazia. In un paese normale le regole sono alla base della convivenza civile e del corretto funzionamento delle Istituzioni». I tre comitati che nel corso di un’assemblea congiunta tenutasi nella giornata di giovedì presso la sede del comitato di via Sichelgaita hanno preso visione della documentazione acquisita presso l’autorità portuale stanno valutando le iniziative da intraprendere. «Riteniamo – dicono – l’intervento (Porta Ovest, ndr) dannoso per l’ambiente, non organico nel contesto della mobilità, peggiorativo delle condizioni dei residenti. Tra l’altro riteniamo non credibile un Ente pubblico che pensa di avviare o proseguire un’opera pubblica senza i pareri o le autorizzazioni previste dallo Stato, prediligendo la rapidità di spesa. Infine chiediamo al competente Ministero delle Infrastrutture (di cui Vincenzo De Luca è viceministro, ndr) la destituzione del presidente Annunziata».

Consiglia