Ho ricostruito Raito in miniatura facendola diventare un presepe

Scritto da , 8 Dicembre 2020
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Il presepe sul mare

L’arte vergine, mani che plasmano il nido di tenerezze. Come lava erutta l’impeto del pensiero, l’iride viva dipinge pennellate di colori. Raito, presepe sul mare, miniature di decori, g e r m o g l i a nella favola di fanciulli La capanna fieno fervido di tepori, bisbigliano il voto di preghiere Ricalca lo stile la visione scenica, cupole bianche nel riflesso del mare. Rampe ardite, vicoli e cortili, sussurrano voci nel sogno incantato. Volti cari, cantano voci di memorie, p u l s a n o cuori come fremiti alati Sei un’arte nel volo creativo, fino al plasma del tuo essere, un fiore dell’animo

Questa poesia fu scritta il 18 dicembre del 2017 da Enzo Tafuri e dedicata a Nuncia Pellegrino, una 60enne casalinga di Raito, madre di tre figli di 34,30 e 24 anni, che quattro anni fa decise di riprendere un’antica tradizione di famiglia e di realizzare un presepe, che oggi è diventato il simbolo della piccola frazione di Vietri ul Mare.

L’articolo completo sull’edizione digitale di oggi

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->