Harakiri Salernitana, il Lanciano passa all’Arechi

Scritto da , 12 marzo 2016
image_pdfimage_print

di Marco De Martino

SALERNO. Una Salernitana sprecona, sfortunata ed autolesionista fallisce una delle ultime possibilità di tornare in corsa per la salvezza, perdendo di schianto all’Arechi contro un Lanciano non irresistibile ma pragmatico. Succede tutto nella ripresa con lo scatenato Di Francesco che firma una doppietta e propizia il rigore realizzato da Ferrari. Nel mezzo la rete del momentaneo pareggio di Donnarumma, uno dei calciatori, con Coda e Bernardini, che ha fallito sullo 0-0 le occasioni più limpide per portare la Salernitana in vantaggio.

La Salernitana parte benissimo e dopo 5’ ci prova con Donnarumma ma l’attaccante, ben imbeccato da Coda al culmine di un contropiede, viene stoppato da Cragno in uscita bassa. Passano altri 5’ e stavolta è Coda, di testa su cross di Ceccarelli, a sfiorare il palo. I granata rallentano ma sono sempre i più pericolosi, come al 23’ quando Donnarumma si libera al tiro dal limite ed impegna Cragno che blocca a terra. Due minuti dopo arriva la chance più clamorosa: Tounkara si destreggia bene in area tra due avversari, serve rasoterra l’accorrente Bernardini che dal limite dell’area, a botta sicura, conclude d’esterno ma il pallone, a portiere battuto, coglie il palo. E’ il migliore momento dei granata che collezionano opportunità a raffica. La Salernitana preme ed al 27’ è Donnarumma a lisciare ad un metro dalla porta la più facile delle conclusioni e la palla termina incredibilmente fuori. Altri due minuti ed ancora Bernardini fallisce la rete del vantaggio battendo fuori da pochi passi. Al minuto 31 Coda sfiora l’incrocio direttamente su punizione. A questo punto la Salernitana, stremata, tira i remi in barca, il Lanciano alza il baricentro senza però creare occasioni di rilievo. Le due squadre vanno così negli spogliatoi sul risultato ad occhiali.

La Salernitana inizia sparata e al 50’ con Coda ed al 51’ con Donnarumma fallisce altrettanti gol clamorosi, in cui in entrambi i casi Cragno è provvidenziale ma anche fortunato in uscita disperata. Al 58’la dura legge del calcio gela l’Arechi: Vastola va via sulla destra, crossa per Di Francesco che di tacco porta in vantaggio il Lanciano. Menichini si gioca le carte Nalini e Bus al posto degli inesistenti Tounkara e Coda, ma è ancora Donnarumma al 70’ a sbagliare la rete del pareggio steccando ancora a due metri da Cragno. Tre giri di lancette e Donnarumma si riscatta: cross di Nalini per la testa di Gatto che fa da sponda al bomber il quale mette dentro l’1-1. Ma la partita è stregata ed al 77’ accade l’imponderabile. Il Lanciano riparte in contropiede, Ferrari lancia in profondità Di Francesco che viene atterrato in area da Terracciano. Rigore ed ammonizione per il portiere granata, con Ferrari che trasforma il penalty del nuovo vantaggio frentano. Con i granata tutti avanti, al 92’, Di Francesco mette il sigillo finale sulla vittoria del Lanciano. E’ la bandiera bianca della Salernitana che probabilmente vede allontanarsi definitivamente la possibilità di restare in serie B.

SALERNITANA-LANCIANO 1-3

SALERNITANA (4-4-2): Terracciano; Ceccarelli, Bernardini, Bagadur, Franco; Tounkara (58’ Nalini), Moro (78’ Bovo), Odjer, Gatto; Coda (67’ Bus), Donnarumma. A disp.: Strakosha, Pollace, Tuia, Rossi, Pestrin, Ronaldo. All.: Menichini.

LANCIANO (4-3-3): Cragno; Aquilanti, Rigione, Amenta, Di Matteo; Vitale (80’ Milinkovic), Bacinovic (89’ Giandonato), Vastola (66’ Rocca); Marilungo, Ferrari, Di Francesco. A disp.: Casadei, Di Filippo, Turchi, Di Benedetto, Padovan, Bonazzoli. All.: Maragliulo.

ARBITRO: Serra di Torino (Calò-Muto). IV uomo: Panarese di Lecce

MARCATORI: 58’ e 92’ Di Francesco, 73’ Donnarumma, 77’ Ferrari (rig.)

NOTE: Spettatori 11239 (quota abbonati 5418). Ammoniti Bacinovic, Aquilanti, Cragno, Vitale, Terracciano. Recuperi 0’ e 4’

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->