Grandi brand e sistemi anticontraffazione all’avanguardia

Scritto da , 14 Ottobre 2016
image_pdfimage_print

Sono diverse le etichette che oggi molti produttori e distributori utilizzano per proteggere il proprio brand e il consumatore finale.

Dall’ologramma alla filigrana, dai microtesti al Rfid.

L’Internet of things ancora una volta fa si che tecnologia e la  creatività si uniscano per il bene comune.

Colossi della moda e retail come: Patrizia Pepe, Fendi, Harmon &Blaine, hanno scelto l’etichetta RFID, alla quale viene associata un microchip, chiamato tag o transponder, in cui sono memorizzate  una serie di informazioni relative all’origine, alla composizione e alla fattura di ogni prodotto. In questo modo ,è possibile in qualsiasi momento verificarne la sua autenticità.

Vi starete chiedendo  chissà quale azienda dello spionaggio ci sia dietro?

Si tratta di Artigrafiche Pagani e si trova a Lazzate, tra Monza e Brianza, una piccola

piccola azienda italiana a conduzione familiare che, da più di mezzo secolo, lavora ispirandosi ai più rigorosi principi di qualità, esclusività e riservatezza, producendo oltre 100 milioni di etichette ogni anno.

Achille Pagani, artista poligrafo, afferma che c’è un gran lavoro di precisione .

Ogni brand ha un suo stile e deve tener conto a una serie di variabili.: dal tipo di utilizzo che verrà fatto al contenitore a cui questa verrà associata, il che contribuirà a determinare la scelta del supporto su cui dovrà essere generata o riprodotta così come la tipologia dei materiali su cui dovrà essere applicata e, di conseguenza, con che eventuali modalità di applicazione.

Un catalogo, che contiene decine di modelli diversi per tecniche, composizioni e tecnologie integrate.

Una volta superati questi step, si proseguirà con una serie di stress test legati all’esposizione alla luce, ai lavaggi, alle temperature, alle trazioni e alle possibili manipolazioni a cui l’etichetta dovrà essere sottoposta, in modo da assicurare la sua durata e la sua inalterabilità effettiva nel tempo.

 

di Letizia Giugliano

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->