Givova Scafati, c’è Gara 5: un anno in una partita

Scritto da , 16 Giugno 2021
image_pdfimage_print

SCAFATI – Manca una sola finalista tra le quattro del campionato nazionale di serie A2 maschile di pallacanestro. La finale del tabellone argento, infatti, sarà Reale Mutua Torino – Betram Yachts Tortona, mentre nel tabellone oro la Ge. Vi. Napoli sta aspettando di conoscere la propria avversaria tra Old Wild West Udine e Givova Scafati. Queste ultime sono in perfetta parità 2-2 nella serie di semifinale playoff e questa sera, ore 19:00, al palasport “Primo Carnera”, si affronteranno per l’ultima e decisiva gara cinque, che fornirà il tanto atteso verdetto. E’ stata una serie molto dura, intensa, nervosa, tecnicamente ed agonisticamente tesa, quella che aveva visto primeggiare la compagine friulana nei primi due incontri disputati al PalaCarnera (2-0), per poi subire il ritorno dei campani nei successivi due match del PalaMangano (2-2). Ora, in virtù della situazione di perfetta parità, occorre disputare gara cinque per conoscere l’identità dell’ultima finalista del secondo campionato nazionale. La sfida si disputerà sul parquet della formazione che ha avuto il miglior piazzamento in classifica dopo la stagione regolare e la fase ad orologio. La Givova Scafati, carica a mille e desiderosa di far propria la contesa, si prepara ad affrontare quest’ultimo e decisivo match con serenità, entusiasmo e con la consapevolezza di avere tutte le carte in regola per espugnare la struttura friulana. L’AVVERSARIO Facendo leva invece sul vantaggio del fattore campo, i bianconeri proveranno a replicare quanto di buono hanno già fatto vedere nei primi due incontri della serie, cercando magari di approfittare della confidenza con il canestro amico per alzare le percentuali di realizzazione dalla lunga e media distanza, che si sono rivelate decisive nelle due partite vinte in precedenza. Coach Boniciolli, che ha già adottato diverse soluzioni per cercare di sorprendere gli avversari, cercherà anche stavolta di individuare schemi, scelte e giochi che possano permettere ai suoi uomini di acciuffare la finale. LE DICHIARAZIONI Queste le dichiarazioni di coach Finelli alla vigilia: «Gara cinque sarà un’altra bellissima serata di pallacanestro, una sfida di alto livello che affronteremo con la massima concentrazione e determinazione, consapevoli che come ogni gara cinque sarà una partita molto particolare, di un livello agonistico pazzesco. Entrambe le squadre giocheranno una partita maschia, con una performance difensiva di buon livello. La differenza la farà sicuramente la percentuale di tiro. E’ certamente meglio giocare in casa che fuori, ma entrambe le squadre vogliono vincere e quindi la pressione è distribuita equamente su entrambi i quintetti, che desiderano vincere allo stesso modo. Andremo in terra friulana con grande fiducia in noi stessi e con le certezze costruite nell’arco di tutto l’anno, in particolare la solidità mostrata nelle gare esterne, così come in SuperCoppa ed in Coppa Italia. Sappiamo come gestire partite di questo tipo, abbiamo giocatori dotati di grande esperienza e quindi scenderemo in campo con grande fiducia ed ottimismo». Il playmaker Mattia Palumbo: «Come ogni gara cinque, ci attende una gara tosta. La serie ha dimostrato che ogni partita fa storia a sé, nessuna gara ha avuto un copione ben definito, e mi aspetto una gara cinque in linea con la restante parte della serie, ovvero equilibrata. Siamo sereni, le emozioni forti arrivano al momento in cui si scende in campo, ma sarà importante recuperare energie fisiche e mentali, perché i nervi e la freddezza giocheranno un ruolo cardine in questa sfida. Udine disputerà secondo me lo stesso tipo di partita, nulla di nuovo rispetto alle precedenti quattro gare e alle tre che abbiamo disputato prima dei playoff. I tifosi ci hanno aiutato tantissimo nelle due partite in casa, è stato bellissimo poter giocare dinanzi ad una cornice di pubblico, ancorché ridotta. Abbiamo ricevuto dai nostri supporters una spinta importante quando eravamo sotto nel punteggio ed ora, anche se a distanza, cercheremo di ripagare questo immenso affetto disputando una grande gara cinque».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->