Giornate di voto senza il pedaggio ma la Ss 18 ancora non riapre

Scritto da , 22 febbraio 2013
image_pdfimage_print

Di riaprire la Ss18 per ora non se ne parla proprio.Nessuna istituzione vuol prendersi la responsabilità di dare il via libera alla riapertura dell’arteria di collegamento tra Salerno e, in sostanza, tutta la Costiera Amalfitana, passando in primis per Vietri sul Mare, completamente isolata da dieci giorni. Due al momento le ipotesi al vaglio: la prima è quella di aprire l’arteria per una sola corsia a senso unico alternato, la seconda quella di evitare il pagamento del pedaggio autostradale per quel che concerne le giornate di voto di domenica e lunedì. Una proposta, quest’ultima, giunta direttamente dal prefetto di Salerno, Gerarda Maria Pantalone che, nel corso del vertice tenutosi ieri mattina a palazzo di Governo, ha chiesto alla società Autostrade spa, di verificare la fattibilità di questa soluzione. Una risposta che potrebbe giungere questa mattina, quando le parti si riuniranno nuovamente e, probabilmente, si tenterà di convincere Autostrade spa di allungare il provvedimento fino alla riapertura della Ss18, visto e considerato l’elevato costo del pedaggio che si sta pesantemente ripercuotendo sulle tasche dei cittadini costretti ad ovviare al problema utilizzando l’autostrada per potersi muovere tra Salerno e Vietri.
Nel corso del pomeriggio, invece, tavolo tecnico in Provincia al quale, però, non hanno preso parte il Comune di Salerno ed il Genio Civile. Dall’incontro a palazzo Sant’Agostino è emersa la richiesta di aprire la strada almeno per una sola corsia da qui a breve. L’assessore provinciale Attilio Pierro ha sottolineato come ci sia da parte della Total, proprietaria del costone roccioso, «l’ampia disponibilità a continuare nei lavori di monitoraggio ed investigazione dalla situazione della parete rocciosa. Trascorse le prossime 24 ore – spiega – ci sapranno dire quali interventi ci sono ancora da fare e se ci sono ancora zone problematiche. La riapertura, comunque, non avverrà prima di martedì. Intanto, abbiamo mandato una comunicazione alle istituzioni che non hanno partecipato al tavolo tecnico, in merito a quanto emerso».
Insomma, bisognerà ancora attendere, nella speranza che Autostrade si passi “una mano sulla coscienza”.

La proposta del sindaco Franco Benincasa. Il sindaco di Vietri sul Mare, Francesco Benincasa, critica aspramente il pagamento del pedaggio cui sono costretti molti cittadini della sua comunità e lancia una proposta. «E’ un balzello – spiega il primo cittadino – che se proprio non vogliono eliminare, deve essere notevolmente ridotto. Se una persona è costretta ad andare e tornare da Vietri due volte al giorno, spende otto euro. Io propongo di verificare l’incasso medio quotidiano di Autostrade spa su questo tratto e di distribuire rispetto all’incremento di traffico che c’è adesso. Credo che nel caso di specie – dice Benincasa – si possa arrivare dagli attuali 2 euro a 50 centesimi e sarebbe leggermente più accettabile». Ma il sindaco fa notare anche un altro aspetto: quello dell’allungamento delle percorrenze cui corrisponde un maggiore uso di carburante: «Vietri e Salerno distano due km, passando per Cava, ad andare e venire, si passa a 30 km, con un aggravio sul costo del carburante per gli automobilisti».

 

22 febbraio 2013

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->