Galliani blocca il campionato di serie B, col Monza l’1 maggio

Scritto da , 19 Aprile 2021
image_pdfimage_print

SALERNO – Ci pensa Galliani a fermare la Salernitana. Con una decisione che ha dell’incredibile la Lega B, sotto la spinta dell’ad del Monza, vicepresidente di Lega e sostenitore del presidente Balata nelle ultime elezioni, ha sospeso immediatamente il campionato facendo slittare le ultime quattro giornate di dieci giorni. Un provvedimento generato dallo stop imposto dall’Asl al Pescara, colpito da un focolaio covid e che per questo motivo ha già saltato il match contro l’Entella. Dopo aver prima ipotizzato lo slittamento delle ultime due giornate prima e solo dell’ultimo turno poi, l’Assemblea straordinaria della Lega di B ieri ne ha discusso a lungo partorendo un abominio che, anziché garantire la regolarità del campionato, ne sconfessa le linee guida che reggevano miracolosamente da inizio stagione, intaccando di fatto il regolare svolgimento delle ultime delicatissime giornate del torneo. Cosa succederà se, il 1 maggio, dovesse scoppiare un focolaio al Monza, al Lecce o alla Salernitana? Il campionato slitterà ancora? A vincere, come detto, è la linea Galliani che attraverso la politica e grazie al supporto delle sedici società che hanno votato a favore della delibera (la Salernitana ed altre tre si sono astenute) proverà a raddrizzare la stagione sportiva della sua squadra, costruita con fior di milioni e che punterà a strappare il terzo posto alla Salernitana. La squadra granata, dal canto suo, sarà quella più penalizzata di tutte visto lo straordinario momento psicofisico generato dalla vittoria in rimonta contro il Venezia. Domani all’Arechi i granata avrebbero dovuto affrontare proprio il Monza che, al contrario, vive una situazione difficile dopo gli ultimi deludenti risultati che le hanno precluso la possibilità di vincere il campionato. Ma tant’è. Fabrizio Castori, subito dopo la vittoria al cardiopalmo di sabato contro i lagunari, aveva parlato di situazione penalizzante per la sua squadra: “Indubbiamente se il campionato si fermasse sarebbe una situazione che ci penalizza, cercheremo di mantenere questa condizione, ma sicuramente andrà a nostro scapito perché la squadra sta attraversando un grande momento dal punto di vista psicologico e fisico”. Guardando il bicchiere mezzo pieno, il tecnico potrà provare a recuperare i tre infortunati Aya, Lombardi e Coulibaly ed ad effettuare un mini richiamo di preparazione per preservare la brillante condizione atletica raggiunta dalla sua squadra, sperando che non ci siano ulteriori contrattempi durante questi dieci giorni. Domani, dunque, niente Salernitana-Monza. Il match tra i granata ed i brianzoli si disputerà il 1 maggio, tre giorni dopo Tutino e compagni saranno di scena a Pordenone, mentre venerdì 7 riceveranno l’Empoli all’Arechi. L’ultima di campionato, invece, si giocherà il 10 maggio, con la Salernitana che sarà impegnata sul campo del Pescara. Questi ultimi due turni si disputeranno con tutte le gare in contemporanea. In questi dieci giorni di sosta forzata, si giocheranno i recuperi delle gare non disputate, ovvero Pordenone-Pisa, Pescara-Entella (che si giocheranno entrambe il 27 aprile) ed Empoli-Chievo. I play off si giocheranno dal 13 maggio, giorno del preliminare, in poi. Le semifinali d’andata si disputeranno il 17 maggio, tre giorni dopo quelle di ritorno. Le finali una settimana più tardi: il 23 maggio l’andata, il 27 il ritorno.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->