“Frecciarossa” alla Sindaca

Scritto da , 18 Marzo 2019
image_pdfimage_print

di Andrea Bignardi

«Il sindaco Francese si faccia parte attiva del tavolo tecnico regionale per la messa a punto delle fermate estive della Frecciarossa»: questo è stato l’appello rivolto dal consigliere comunale di opposizione vincenzo inverso al primo cittadino di Battipaglia. L’invito è scaturito in seguito alla polemica sollevata dallo stesso consigliere comunale nei giorni scorsi, fondata sul paradosso che vede la stazione di Battipaglia usata come deposito dei convogli della linea ad alta velocità ma non come scalo degli stessi. inverso, che nei giorni scorsi aveva denunciato la questione postando una foto di un convoglio Tav in sosta presso la stazione di Battipaglia, ha infatti compiuto, attraverso il suo profilo social, una dura invettiva nei confronti del primo cittadino, considerando la mancata sosta dell’alta velocità a Battipaglia come una sua sconfitta personale. «si tratta di una vicenda molto particolare, effettivamente dai chiaroscuri molto intensi -ha dichiarato inverso-. al di là di ogni appartenenza, dei rispettivi ruoli che abbiamo in città, alternativi come progetto e visione politica, è paradossale che non si riesca a venirne a capo. La differenza sta nel fatto che la sindaca ha responsabilità di governo e quindi anche su questa questione». A peggiorare ulteriormente la situazione, secondo il consigliere comunale di opposizione, sarebbero anche le pulizie effettuate sui treni Frecciarossa proprio nella stazione di Battipaglia. Esse produrrebbero una quantità non indifferente di rifiuti ovviamente smaltita in città. «oltre al danno anche la beffa -ha aggiunto a tal proposito inverso-. non solo la Freccia non ferma nel nostro comune, non solo la nostra stazione, il più importante nodo ferroviario a sud di salerno, è usata come deposito per i treni ad alta velocità senza poter essere fruita dai viaggiatori costretti a recarsi nel capoluogo per potervi salire, ma perfino la manutenzione e la pulizia dei convogli vengono svolte nella nostra città». Tale problematica, in realtà, ne rispecchierebbe un’altra ben più complessa: la Francese, secondo inverso, sarebbe infatti inadeguata al suo ruolo, ed inaffidabile dal punto di vista politico. «Tutti corteggiano la sindaca ma nessuno la sposa perché non è fedele a nessuno», ha aggiunto inverso, che ha poi in conclusione invitato il primo cittadino di Battipaglia a prendere parte attiva al tavolo regionale che avrà il compito di stabilire gli scali estivi dell’alta velocità a sud di salerno. «introdurre Battipaglia almeno in questo gruppo di stazioni -ha concluso inverso- sarebbe un primo segno di vita dell’amministrazione, una prima vittoria per un nodo infrastrutturale importante della nostra regione, anche e soprattutto per la sua vicinanza estrema al parco del cilento ed ai Monti picentini».

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->