Forza Italia, la grande ipocrisia

Scritto da , 8 Settembre 2020
image_pdfimage_print

Forza Italia presenta i suoi candidati con il vicepresidente della Camera dei Deputati, Mara Carfagna, con i deputati Enzo Fasano, Gigi Casciello e Marzia Ferraioli. Il primo pensiero della Carfagna è rivolto al Presidente Silvio Berlusconi, oggi in convalescenza dopo aver contratto il Covid-19, poi l’arringa si fa spietata verso il Presidente della Campania, Vincenzo de Luca, “lo sceriffo” con le sue disattenzioni lascia la regione in preda alle difficoltà. Quale pensiero ha delle elezioni in corso? “Non mi piace commentare i sondaggi. Aspetto i risultati consapevole del fatto che molto spesso le somme si tirano nell’ultima settimana. I voti sono last minute possono cambiare anche le ultime 24 ore. Questa campagna elettorale è molto particolare, nel panorama del Covid-19 non possono esserci le iniziative di una volta. I nostri contatti si fondano su conversazioni più intime e quindi incoraggiamo gli elettori a partecipare anche se gli incontri sono ristretti ai limiti delle norme di sicurezza. È un percorso elettorale che si gestisce porta a porta e sono certa che questo finirà per incidere positivamente sulla fiducia delle persone. La leadership del Partito va ridisegnata, la posizione parte dai voti ma i voti non sono solo numeri ma messaggi del popolo. Negli ultimi mesi mi sono battuta perché il Partito ritrovasse il protagonismo che merita ma il nostro vangelo segue l’idea del “servizio per gli altri” e la leadership ha poco a che vedere con il cabarettismo che De Luca mette in scena. E sulla nuova inchiesta della Procura? “Rispetto l’inchiesta in cui ora è coinvolto mantengo una posizione di silenzio come ho sempre fatto anche quando si trattava di seguire le vicende degli alleati. La magistratura italiana gode di enorme prestigio e le va riconosciuta una particolare imparzialità. Spero solo che sia celere, viste le condizioni in cui ci muoviamo bisogna concentrarsi meno su questioni prosaiche. Il Presidente Silvio Berlusconi nonostante le afflizioni del virus sta lottando con la tenacia che lo contraddistingue e insieme siamo d’accordo che l’attenzione deve essere rivolta allo stato sociale. Le famiglie in difficoltà, la disoccupazione con i suoi enigmi non possono essere affrontati con i lanciafiamme sono realtà di tutti i giorni, ci vuole coraggio per ripartire da zero e subito. Salerno è la mia città, qui ho mosso i primi passi in politica e ho costruito una “comunità umana” che ha retto gli scossoni degli ultimi mesi. Sono orgogliosa della lista che probabilmente sarà la più forte di tutte e le ragioni non vanno spiegate. Cosa vuol dire agli elettori? “Non sprecate il vostro voto!”È un lusso che non possiamo permetterci, ragionate con cognizione di causa, la Campania è paradiso ma ha bisogno di tutelare i suoi abitanti dalla malavita e dalla malasanità. Leggo i dati degli ultimi anni e sono delusa. Siamo la ragione in cima ai flussi migratori per la sanità e disoccupazione (anche femminile). Sulla riapertura delle scuole a fine settembre non ho difficoltà a pensare che sia stata una manovra per permettere la buona continuazione delle elezioni. Chi penserà ai ragazzi dopo tutto questo? Dove ritroveranno il coraggio per andare avanti se non nelle strutture scolastiche?”

Consiglia

Lascia un commento

Puoi eseguire il login con Facebook

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per completare inserire risultato e prosegui * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->