Forza Italia, la Carfagna non c’è. A destra la sfida dei Mussolini

Scritto da , 18 Aprile 2019
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

Dopo un’intensa giornata di trattative, sospetti, annunci e ritirate, Mara Carfagna non è candidata alle europee. Al secondo posto, dopo Silvio Berlusconi, nella circoscrizione meridionale, c’è l’uscente Barbara Matera. Poi Fulvio Martusciello, Aldo Patriciello e il salernitano Antonio Ilardi. Insomma, la Carfagna non si conterà e non lancerà nessuna “opa” a Silvio Berlusconi, così comei mmaginato da una parte del partito azzurro. Farà campagna elettorale, annuncia, “così come sempre”, cercando di sostenere sul suo territorio (quello salernitano, appunto) l’ingegnere Antonio Ilardi, ex ad dell’aeroporto “Costa d’Amalfi”. «Forza Italia – dice Ilardiha messo in campo, nella circoscrizione meridionale, una squadra autorevole e coesa, di cui mi onoro di far parte, guidata dal presidente Silvio Berlusconi. Inizio oggi una esperienza in cui desidero rappresentare le aspettative di sviluppo del nostro territorio, i valori e le radici cristiane della nostra Europa, le speranze di pace e benessere del nostro popolo. Mi accompagneranno e mi sosterranno, in ognuno dei prossimi 40 giorni, tutti i volti degli uomini e delle donne che ho avuto la fortuna di incontrare in questi anni nella rappresentanza studentesca, nell’associazionismo cattolico ed imprenditoriale, nonché nell’amministrazione pubblica. Avanti, forza, per Salerno e per il sud». Anche in Forza Italia c’è un Mussolini, con Alessandra che riabbraccia il Cavaliere. In Fratelli d’Italia, sempre nella circoscrizione meridionale c’è Caio Giulio Cesare Mussolini. Una sfida tutta in famiglia. «Non parlerò mai male di un mio parente – afferma Caio MussoliniPoi ci sono tante differenze. Personali e politiche. Per esempio io mi candido con un partito di destra, Fratelli d’Italia. A ogni modo contavo di chiamarla in campagna elettorale per chiederle dei suggerimenti, visto che sono 27 anni che fa politica mentre io sono nuovo. Vorrà dire che la chiamerò per farle un sincero in bocca al lupo». DE LUCA JR.: «CAMBIARE NUMERO SEGGI» Piero De Luca solleva il caos seggi. A quanto pare sarebbero stati ripartiti considerando già il Regno Unito fuori dall’Europa. «Ho chiesto al governo – spiega il deputato Pddi correggere con la massima urgenza il Dpr 22 marzo 2019 di “Assegnazione del numero dei seggi alle circoscrizioni per l’elezione dei membri del parlamento europeo spettanti all’Italia”, tenendo conto dell’ipotesi che alla data delle elezioni del 26 maggio il Regno Unito faccia ancora parte dell’Ue, nel qualcaso il numero di seggi spettanti all’Italia sarebbe 73, e non gia’ 76 come attualmente stabilito». I NUMERI Sono state 17 le liste presentate nella circoscrizione sud per le europee. Per due liste, però, si profila l’esclusione per mancanza del requisito del collegamento con partiti che consentirebbe di fare ameno delle firme di appoggio. Si tratta dei “Gilet arancioni” del generale Papparlardo e del “Popolo delle Partite Iva”. Avranno tempo fino ad oggi per fare ricorso.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->