Flavio Sessa: “Passato il venerdì a spiegare ai turisti perchè le Luci erano spente”

Scritto da , 29 Novembre 2021
image_pdfimage_print

di Monica De Santis

Anche l’Acs, associazione commercianti salernitani, aderisce al flash mob organizzato per la giornata di domani dai ristoratori dell’Aisp, che alle ore 11 si ritroveranno davanti alla Prefettura di Salerno, nella speranza di riuscire a ricevere dall’Amministrazione Comunale delle risposte certe in merito sia all’accensione delle Luci d’Artista e sia all’apertura del parcheggio di Piazza Della Libertà. “Vogliamo chiarimenti sulla mancata apertura dei parcheggi interrati a p.zza della Libertà, quando la stessa è stata inaugurata il 20/09/2021. Gli stalli sono pronti da tempo eppure si aspetta la concomitanza con le luci, non ne capiamo il motivo. – scrivono i commercianti in una nota – Ed ancora chiediamo chiarimenti sull’evento delle Luci d’Artista posticipato di 3 settimane, con l’inaugurazione prevista il 26/11/2021, ma inspiegabilmente annullata, senza nemmeno un comunicato stampa, tant’è che la città è stata raggiunta da tanti turisti, che con tanta delusione se ne sono ritornati indietro, questa è stata decisamente una pessima figura. E chiediamo un chiarimento sul Piano di sicurezza ancora da approvare, ma nel frattempo in altre realtà campane orde di turisti accalcano le strade (vedi Napoli), portando un beneficio economico e turistico alle stesse. Vorremmo capire come mai l’iter burocratico è partito con estremo ritardo, bando per l’assegnazione delle luci e della sicurezza” In sintesi anche i componenti dell’Acs sostengono le richieste dell’Aisp… “Quello che è successo venerdì ha dell’assurdo – dice Flavio Sessa, titolare di “Pane e pummarola” e “Gustosa”, due locali siti in via Roma – Sia io, che i miei dipendenti che i colleghi degli altri locali ci siamo ritrovati a trascorrere il venerdì dando spiegazioni ai turisti giunti in città. Spiegazioni sul perché hanno trovato le luci spente. Ovviamente quello che abbiamo potuto dire era quello che avevamo letto su giornali e siti, perchè dal Comune niente di ufficiale è arrivato. Se abbiamo avuto delle perdite? Certamente, i turisti che sono giunti a Salerno in macchina hanno lasciato la città per recarsi a Napoli, dove le Luci sono già accese, mentre quelli giunti in pullman sono rimasti in una città bella per i suoi monumenti ma spenta sotto l’aspetto delle Luci”. Sessa spiega che le perdite economiche non sono solo quelle di questo fine settimana… “Novembre è sempre stato un mese lento, commercialmente parlando, con le Luci si riusciva a fare qualcosa. Ma quest’anno purtroppo abbiamo già avuto un ritardo di quasi un mese sull’accensione ed ora con questo ennesimo ritardo rischiamo che molti gruppi o semplici famiglie alla fine sceglieranno di andare altrove invece che venire qui. Quello che non riusciamo a capire come mai, dopo tutte le inchieste e le indagini da parte delle Forze dell’Ordine, perché l’Amministrazione Comunale ha scelto ancora una volta una strada poco consona, facendo poi bloccare tutto. Perchè si sapeva che alla fine il Prefetto sarebbe intervenuto. Però questo loro modo d’agire, bisogna che si capisca, non danneggia loro, ma noi. Noi commercianti, che ancora una volta perdiamo incassi, mentre le tasse iniziano ad arrivare e nessuno pensa a venirci incontro dopo due anni di chiusura totale”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->