Fino a 1000 euro, senza ricevuta, per un intervento

Scritto da , 2 Maggio 2020
image_pdfimage_print

di Pina Ferro

Favoritismi e soldi per aggirare le liste di attesa all’ospedale di Mercato San Severino. Saranno sottoposti, questa mattina ad interrogatorio di garanzia l’otorinolaringoiatra Francesco Antonio Salzano e l’infermiera Francesca D’Angelo che da martedì mattina sono agli arresti domiciliari. Alla presenza dei difensori di fiducia saranno chiamati a rispondere alle domande del giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Nocera e del magistrato Anna Chiara Fasano, titolare del fascicolo investigativo. I due protrebbero anche avvalersi della facoltà di non rispondere. L’accusa è di peculato, falso e concorso in abuso d’ ufficio. Secondo quanto emerso dall’ inchiesta il medico, in servizio presso l’ospedale “Fucito” di Mercato San Severino, si sarebbe appropriato di apparecchiature dell’ Università per eseguire visite specialistiche private ed attività intramoenia. Il professionista programmava le visite mediante contatto diretto, senza passare per il Centro Unico di Prenotazioni, riscuotendo i compensi senza versare all’ Ente ospedaliero la quota spettante. La coordinatrice infermieristica avrebbe stravolto la lista d’attesa favorendo alcuni pazienti. Mesi indagini e di raccolta di testimonianza che hanno indotto gli inquirenti ad emettere l’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari. “…il professore mi disse che dovevo sottopormi ad intervento chirurgico perchè presentavo una deviazione del setto nasale. Per tale visita ho corrisposto al professore Salzano 200 euro a fronte dei 250 che mi aveva richiesto. Voglio aggiungere che il professor Salzano non mi ha corrisposto alcuna fattura o ricevuta dei 200 euro. Il professore Salzano ha provveduto in prima persona ad inserirmi nella lista di attesa. Qualche giorno prima di operarmi sono stato contattato dalla caposala Francesca D’Angelo la quale mi invitava a recarmi in ospedale per gli esami preoperatori”. Racconta agli investigatori uno dei tanti pazienti del professore Salzano. Lo stesso poi aggiunge “…. Dopo l’intervento chirurgico ho effettuato altre due visite specialistiche con l professor Salzano all’interno di uno studio medico ubicato a Montoro. In quelle due circostanze ho corrisposto al professor Salzano la somma di 150 euro per ogni visita senza ricevere alcuna fattura o ricevuta per le prestazioni sanitarie. Quando mi sono recato la prima olta a Napoli il professor Salzano mi disse che se volevo essere operato da lui presso l’ospedale di Mercato San Severino l’intervento mi sarebbe costato 1000 euro che dovevo corrispondere personalmente allo stesso nei vari controlli successivi presso gli studi medici che mi avrebbe visitato. Dopo avergli corrisposto la somma di 500 euro per le visite di controllo che vi ho riferito non sono andato più presso il suo studio perchè sono stato bene e ho ritenuto di non dargli altri soldi”. Un altro paziente ha riferito agli investigatori: “…Dopo l’intervento chirurgico ho effettuato una sola visita privata con il professor Salzano presso lo studio medico di Mercato San Severino. In quella circostanza ho pagato la somma di 600 euro senza ricevere nessuna fattura o ricevuta”. Quei 600 euro erano un regalo che la caposala aveva suggerito di fare al medico. I racconti dei pazienti quasi tutti simili: visite pagate dai 150 ai 200 euro ognuna senza mai ricevere alcuna ricevuta per i soldi che il professionista salernitano ha intascato. Soldi che finivano tutte nelle tasche del medico visto che non vi era alcuna traccia degli incassi effettuati per ogni prestazione. Sembra che l’inchiesta sia tutt altro che conclusa.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->