Festa dell’Europa all’Università con i licei Alfano I e Vanvitelli

Scritto da , 8 Maggio 2021
image_pdfimage_print

Si terrà il prossimo 11 maggio, a partire dalle ore 11, la settima edizione della Festa dell’Europa organizzato dal Center for European Studies (CES)Disps/Unisa, diretto dal Professor Massimo Pendenza. Parteciperanno, all’incontro oltre agli studenti e i docenti universitari, gli studenti e i docenti del Liceo Alfano I di Salerno, dello ISS Della Corte – Vanvitelli di Cava de’ Tirreni, del Virgilio Marone di Mercato San Severino e del Liceo De Sanctis di Salerno. La Festa dell’Europa è diventato un appuntamento imprescindibile delle attività promosse dal Center for European Studies e, come ogni anno, chiude il ciclo di seminari che la Cattedra di Sociologia dell’Europa dedica ai temi dell’Unione Europea. Quest’anno ospite dell’evento è l’Ambasciatore della Repubblica Federale di Germania in Italia, Viktor Elbling, che terrà una Lectio Magistralis dal titolo “Insieme verso il futuro: Italia e Germania in Europa”. Elbling ha completato parte della sua formazione scolastica a Forlì in Emilia-Romagna e presso la Scuola Tedesca di Milano. Dopo essersi diplomato alla Scuola tedesca di Bilbao, ha iniziato a studiare giurisprudenza nel 1978 presso l’Università di Bonn, che ha completato nel 1984 con l’esame di Stato in giurisprudenza. Oltre al suo incarico legale, tra il 1984 e il 1987 Elbling ha anche completato studi post-laurea in scienze politiche e in Filologia romanza, superando il secondo esame di stato nel 1987. Nel 1988 Elbling ha iniziato la preparazione per il servizio estero e dopo la sua laurea è stato prima, tra il 1989 e il 1990, presso la sede del Ministero degli Esteri a Bonn e poi dal 1990 al 1993 consigliere politico presso l’ambasciata in Corea del Sud. Seguirono vari incarichi al Ministero degli Esteri, inizialmente come consigliere nell’ufficio ministeriale e infine fino al 1998 come consigliere personale del ministro federale Klaus Kinkel, infine vice capo dell’ufficio ministeriale del ministro Joschka Fischer tra il 1998 e il 1999. Nelle sei precedenti edizioni, ricorda Massimo Pendenza, le Lectio sono state tenute da autorevoli accademici italiani e internazionali, esperti di Europa. Ha aperto la prima edizione, nel 2015, lo storico Giuseppe Galasso, seguito poi, nell’ordine, da Mario Telò, Alessandro Cavalli (Presidente onorario dell’Associazione Italiana di sociologia), Gianfranco Pasquino, Alberto Martinelli (Past-President dell’Associazione Mondiale di Sociologia), Hans-Jörg Trenz e quest’anno, come ricordato, dall’ambasciatore tedesco in Italia, Viktor Elbling, segno evidente della sempre crescente importanza della Festa dell’Europa, che non può più prescindere dal coinvolgimento di personalità di spicco esterne al mondo accademico. L’intervento dell’ambasciatore Elbling conclude tematicamente il ciclo di seminari che quest’anno è stato dedicato alla Germania e ai trent’anni dalla sua riunificazione. A partire dal 1990, prima come Germania Federale, poi come Germania riunificata, essa è sempre stata unita all’Europa, in un connubio che, per molti commentatori, potrà risultare addirittura rafforzato dall’esito delle prossime elezioni nazionali tedesche, previste per il prossimo mese di settembre. Per i saluti istituzionali saranno presenti il Rettore dell’Università di Salerno, professor Vincenzo Loia, il Direttore del Dipartimento di Studi Politici e Sociali, professor Gennaro Iorio, il Presidente del Consiglio didattico di Scienze delle Relazioni Internazionali, prof. Francesco Amoretti. Introdurrà il professor Massimo Pendenza, curatore dell’iniziativa e Direttore del Center for European Studies.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->