“Favorire l’intermediazione tra l’ufficio di Soprintendenza di Pompei e Salerno”

Scritto da , 21 Maggio 2022
image_pdfimage_print

Favorire l’intermediazione tra l’ufficio di Soprintendenza di Pompei e la Soprintendenza archeologica belle arti e paesaggio per le province di Salerno e Avellino, anche per far sì che sulla salvaguardia e la promozione del Real Polverificio Borbonico sia valorizzato il ruolo e la presenza istituzionale del comune di Scafati (Salerno). Lo chiede il deputato di Fratelli d’Italia, Edmondo Cirielli, in un’interrogazione ai ministri della Cultura e del Turismo, Dario Franceschini e Massimo Garavaglia. Il Direttore del Parco Archeologico di Pompei, Gabriel Zuchtriegel, spiega Cirielli, ha richiesto di “annettere all’area che è già inclusa nel Parco, anche la parte del Real Polverificio Borbonico che insiste nel territorio della città di Scafati” e “il Presidente del Comitato per la Salvaguardia e Promozione del Real Polverificio, Espedito De Marino, si è recato, insieme al sindaco della città di Scafati, Cristoforo Salvati, e parte dell’Amministrazione, presso gli uffici della Soprintendenza di Pompei per auspicare una collaborazione per un’azione di valorizzazione e salvaguardia dell’edificio monumentale in parola”. Secondo il deputato FdI, “a seguito dell’incontro sembrava essersi raggiunto un accordo in tale direzione che, tuttavia, sarebbe stato disatteso da parte di Zuchtriegel che avrebbe inviato qualche mese dopo una lettera alla dirigente della soprintendenza belle arti e paesaggio di Salerno e Avellino in cui si richiedeva la consegna dell’area del Polverificio: tale richiesta non sarebbe stata nemmeno preannunciata per garbo istituzionale all’amministrazione comunale di Scafati”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->