«Economia sia al servizio dell’uomo»

Scritto da , 21 dicembre 2013

«In Italia, la disoccupazione è quasi al 12%. Il grado di non utilizzo della forza lavoro, che contempla anche scoraggiati e cassintegrati, arriva a 5 milioni di persone di cui oltre un milione nella fascia tra i 18 e i 24 anni». Sono i dati presentati, da Giuseppe Pantuliano, segretario generale della Consulta delle Aggregazioni Laicali, durante il XII Congresso Provinciale del Movimento Cristiano dei Lavoratori (Mcl) di Salerno, intitolato: “Mcl per un’economia a servizio dell’uomo: il lavoro primo fattore di ripresa”, tenutosi ieri mattina nella sala Genovesi della Camera di Commercio di Salerno. Il dottor Pantuliano, ha anche sottolineato come sia necessario ripensare il lavoro cambiando prospettiva: «Non si tratta più di trovarlo, il lavoro, come una volta, ma occorre darsi lavoro attivando canali di autoimprenditorialità che però vanno sostenuti da reticoli istituzionali». Al congresso, moderato dal’avvocato Vincenzo Massara, componente della presidenza nazionale di Mcl, ha partecipato Monsignor Luigi Moretti, vescovo di Salerno, che ha sottolineato come la società stia vivendo un passaggio rilevante del corso della storia: «Sono in atto progetti di cambiamento importanti, fortemente accelerati, che non possono essere ignorati. Come diocesi, da due anni, stiamo cercando di aiutare le nostre comunità a prendere coscienza di come essere protagonisti nel costruire un modo diverso di stare insieme, ponendo l’attenzione sul soggetto famiglia». Il sindaco Vincenzo De Luca, ha ricordato il clima di sfiducia che sta vivendo il Paese: «Le relazioni umane si sono indebolite, si è attenuato il sentimento di speranza, di fiducia nel futuro. L’azione del Governo è inadeguata alla situazione. Si deve fare di più, sia dal punto di vista degli investimenti, sia dal punto di vista delle scelte economiche e sociali». Il presidente della Camera di Commercio Guido Arzano, ha parlato delle riforme improcrastinabili da attuare: «Credo che al di la dei blocchi ideologici, ci sono blocchi lobbistici e corporativistici. Bisogna abbandonare queste logiche e fare le riforme di cui il Paese ha bisogno». L’ avvocato Maria Rosaria Pilla, presidente provinciale Mcl, nel suo intervento ha parlato della centralità dell’uomo all’interno dei processi produttivi e del rispetto della sua dignità: «E’ necessario che l’economia sia posta a servizio dell’uomo e non viceversa. I principi fondamentali che il Movimento Lavoratori ritiene da sempre prioritari sono il lavoro, la famiglia, le riforme e la costruzione di una società solidale che abbia maggiore attenzione alle nuove povertà e alle questioni dell’immigrazione, della giustizia sociale, della partecipazione e del Welfare». Matteo Buono, segretario provinciale Cisl Salerno, ha ricordato che il sindacato sta portando avanti iniziative per sbloccare situazioni che creano condizioni di non lavoro sul nostro territorio: «A partire dai cantieri delle “grandi opere” che sono stati bloccati da una legislazione farraginosa». Il professor Giuseppe Acocella, Coordinatore della V Commissione Welfare del Cnel, ha confermato che la scienza economica, ritenuta la scelta più razionale per i destini del mondo, si è rivelata illusoria: «La crisi ha messo in luce come un’economia orientata solo al profitto, penalizza le finalità stesse dell’Economia che dovrebbe essere orientata a migliorare la condizione umana. Gli orientamenti dell’economia, invece, devono mettere al centro la condizione degli esseri umani. Il lavoro deve diventare l’elemento centrale della costruzione del benessere e della crescita economica». Al termine dei lavori congressuali, si sono svolte le elezioni per il rinnovo del Consiglio Provinciale e, anche grazie al vicepresidente vicario provinciale della Mcl, Massimo Staglioli, presidente del Circolo Mcl “Salernitani doc”, che con grande entusiasmo ha proposto e sostenuto la riconferma dell’avvocato Pilla a presidente provinciale, la stessa è stata riconfermata nella sua carica. Tra i presenti i consiglieri comunali: Raffaele Della Valle, Luigi Bernarbò e Giuseppe Zitarosa; l’assessore Mimmo De Maio e l’onorevole Guido Milanese.

Aniello Palumbo

Consiglia

Cronaca

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->