Ecobonus 2020 prorogato, come usufruire delle detrazioni per il risparmio energetico

Scritto da , 10 Dicembre 2019
image_pdfimage_print

Nelle scorse settimane si era in attesa della conferma definitiva della proroga dell’Ecobonus 2020 che finalmente è arrivata, portando con sé una serie di nuovi vantaggi.

L’efficientamento energetico si conferma tematica di interesse strategico ed è per questo che, anche per il 2020, il Governo ha deciso di dare alle famiglie italiane la possibilità di accedere a degli sconti e sgravi fiscali. Il fine ultimo di questi incentivi è quello di permettere a tutti di ottimizzare i consumi energetici delle abitazioni.

Gli interventi di risparmio energetico permetteranno di ottenere una serie di detrazioni, con aliquote diverse in base a quelle che sono le migliorie apportate alla propria casa.

Come espressamente previsto dalla Legge di Bilancio 2020, potranno ancora usufruire dell’Ecobonus tutte le persone fisiche in possesso di un diritto reale sulla casa che si intende modernizzare sul versante energetico.

Ecco, quindi, che accederanno agli sgravi fiscali in questione non solo i proprietari, ma anche i condomini, gli inquilini, i familiari e i conviventi che sostengono delle spese per il mantenimento della casa e i comodatari.

Per quel che concerne le percentuali di detrazione ottenibili, è bene sottolineare che queste possono cambiare in base ai lavori effettuati nell’immobile.

Nello specifico, sarà possibile ottenere una detrazione del 65% se si effettuano interventi come il montaggio di generatori ibridi, installazione di pompe di calore e sistemi per riscaldare l’acqua, montaggio di collettori solari per produrre acqua calda in maniera alternativa e così via.

La detrazione del 50% del totale delle spese sostenute viene invece riconosciuta per lavori che prevedono l’installazione di caldaie a biomassa, finestre e infissi nuovi, schermature solari e caldaie a condensazione. Attenzione, però: se queste ultime vengono scelte di classe A e sono dotate dei più evoluti sistemi di termoregolazione, la detrazione aumenta e sale al 65%.

Come sfruttare l’Ecobonus 2020

Grazie a questi incentivi statali è finalmente arrivato per tantissime famiglie italiane il momento di provvedere al miglioramento della propria abitazione. Sfruttando una detrazione Irpef pari al 50% della spesa sostenuta sarà possibile andare a cambiare infissi e finestre per rendere l’ambiente meno umido, più vivibile e, soprattutto, più salubre.

Anche valutare l’acquisto di una nuova caldaia a condensazione è possibile. In questo modo si ottengono una maggiore efficienza, una riduzione notevole dei consumi e si possono contenere le emissioni di gas inquinanti. Una scelta valida sotto molti punti di vista, a partire da quello dell’ecosostenibilità.

Propendere per l’acquisto di una caldaia a condensazione è reso ancora più conveniente grazie ad offerte come quella chiavi in mano proposta da E.ON. Scegliendo questa offerta, infatti, si può beneficiare della detrazione fiscale fino al 65% su una caldaia a condensazione con termostato intelligente di ultima generazione. E.ON si occuperà dell’installazione e si occuperà del disbrigo delle pratiche burocratiche per lo sconto fiscale.

Una serie di vantaggi che vanno a unirsi ai già tanti connessi all’utilizzo di una caldaia a condensazione. Quest’ultima è in grado di abbattere i consumi di gas annuali, permettendo di avere una casa calda e confortevole senza dover rinunciare a nulla e con un investimento iniziale ancora più sostenibile grazie all’Ecobonus 2020.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->