Ecco il “Progetto Salerno” di Amodio

Scritto da , 30 gennaio 2014

Si chiama “Progetto Salerno” ed è un nuovo soggetto politico cittadino. E’ nato nell’ottobre 2013 e il 17 gennaio scorso c’è stata la messa in rete del sito e, contestualmente, il primo discorso del presidente di “Progetto Salerno”, Giuseppe Amodio. Lo scopo del movimento è quello del raggiungimento del «benessere reale dell’individuo all’interno di una collettività». Nello statuto di “Progetto Salerno” sono indicate le finalità che vanno dall’ambire al massimo sviluppo economico della città di Salerno rilanciando tutta l’imprenditoria locale con il massimo impulso possibile dato dal comparto pubblico e ridando lavoro ai giovani e ai non più giovanissimi che si trovano nella circostanza di dover cercare un’occupazione alla garanzia, per tutti i cittadini, dei servizi minimi (sanità, trasporti, scuole), oggi purtroppo sostanzialmente assenti. «Tutto questo sostenuto dai principi etici che sono alla base del vivere civile: rispetto per tutte le parti sociali, onestà e impegno con l’obiettivo finale della condivisione dei benefici ottenuti dall’azione comune». Il tutto con una mission ben precisa: quella di riavvicinare i cittadini ad una politica che è sempre più lontana dalla gente e distratta dalle vere problematiche della città. A guidare il nuovo “Progetto Salerno” è un giovane imprenditore salernitano, Giuseppe Amodio che nel suo primo discorso ha affermato: «Mentre i politici locali si concentrano su come spendere altri soldi pubblici nel cemento, i salernitani continuano ad emigrare, soprattutto nelle fasce di età più produttive. Si formano qui e poi vanno ad arricchire altre aree del paese. Noi siamo al lavoro, col contributo di molti cittadini, per fermare questo flusso, progettare possibilità di lavoro stabili e di lungo periodo, di concerto con tutte le vocazioni imprenditoriali del nostro territorio, e di tutto ciò che è il mondo del lavoro autonomo».

Consiglia