Ecco gli industriali alla corte di De Luca

Scritto da , 11 Marzo 2015
image_pdfimage_print

di Andrea Pellegrino

Se Andrea Prete, ex numero uno degli industriali di Salerno, ancora deve sciogliere ufficialmente la riserva sulla candidatura al Consiglio regionale con il Pd, intorno alla lista “De Luca presidente” circola già un folto gruppo di imprenditori pronti a sostenere l’ex sindaco di Salerno. Vecchie “fiamme” – a differenza di Andrea Prete rimasto sempre uomo di fiducia di Vincenzo De Luca – che da mesi ruotano nuovamente intorno all’ex primo cittadino salernitano, in vista dell’appuntamento regionale. Tra questi Agostino Gallozzi, presidente della Sct, patron del porto “Marina d’Arechi” per un periodo montiano (ai tempi appunto del governo Monti) ed ora nuovamente deluchiano. Così come Antonio Ilardi, attuale amministratore delegato dell’aeroporto “Costa d’Amalfi”, che aveva rotto con De Luca dopo il doppio fallimento di due progetti da lui firmati: quello della riqualificazione dello stadio Vestuti di piazza Casalbore ed il più noto Porto di Pastena che sarebbe dovuto nascere nell’area dell’attuale porticciolo della zona orientale. Ma pro-De Luca ci sarebbe anche Giuseppe Di Martino, numero uno del Pastificio Amato, il cui fallimento è, tra l’altro, ancora al centro di una complessa vicenda giudiziaria. Una buona mano a Vincenzo De Luca, dovrebbe arrivare, tra l’altro, anche da Aniello Aliberti, ex presidente della Salernitana, intravisto in più occasioni alle manifestazioni elettorali del candidato presidente. Nulla da fare, invece, per Gianni Lettieri che nonostante l’amicizia con De Luca, resterà al fianco di Stefano Caldoro e del centrodestra. Una buona squadra di imprenditori per il candidato del centrosinistra che per loro o chi per essi ha riservato libera la civica “De Luca presidente” che dovrebbe avere solo piccoli innesti di esponenti politici, soprattutto in provincia di Salerno dove è forte la richiesta di candidatura da parte di alcuni degli assessori comunali. Infatti i fuoriusciti dal Pd dovrebbero confluire verso le due civiche deluchiane. Se dovesse essere confermata la presenza di Luca Cascone (assessore alla mobilità) nella lista ufficiale democrat, Franco Picarone e Mimmo De Maio, rispettivamente assessori all’annona e all’urbanistica, dovranno trovare spazio l’uno in “Campania Libera” e l’altro in “De Luca presidente”. Quanto al Pd la prima bozza c’è. Oltre ai sindaci Amabile ed Alfieri (l’uno di Fisciano, l’altro di Agropoli) pare che si stia facendo spazio anche Paolo Russomando (primo cittadino di Giffoni Valle Piana). In risalita le quotazioni di Federico Conte: sul nome del componente dell’assemblea nazionale converge l’area di Umberto del Basso de Caro che potrebbe aprire un buon fronte a supporto di De Luca nell’area beneventana. Quasi definitive le quote rosa: in campo ci saranno Anna Petrone (consigliere regionale uscente), Teresa Vastola (area Vaccaro) e Gina Fusco (area De Luca). All’appello mancherebbe la componente dell’area Valiante che potrebbe convergere sull’uscente Donato Pica.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->