Salerno, inaugurati i mercatini di Natale

Scritto da , 7 Dicembre 2016
image_pdfimage_print

E’ tornato il Natale qui a Salerno. Sul Lungomare Trieste con l’installazione delle casette in legno, le luci e la musica sembra di respirare un po’ quell’aria magica che anche le ‘Luci d’Artista’ vogliono suggerire. Almeno queste sono le intenzioni che hanno animato lo spirito dell’amministrazione comunale. Ad allietare l’inaugurazione musica jazz anni ’30 suonata dalla Salerno Street Parade, i sorrisi dei tanti commercianti ai loro posti di comando negli stand e, addirittura, un tappeto rosso. Il primo cittadino, Vincenzo Napoli, ha ricordato il numero enorme di turisti che hanno visitato la nostra città nel periodo natalizio l’anno scorso e il gran lavoro che tutta l’amministrazione profonde nell’iniziativa. “Vogliamo una dislocazione cercando di immaginare un nuovo centro urbano e rallegrando tutti i quartieri con questa atmosfera natalizia” queste le intenzioni per quest’anno del Sindaco che ha poi passato la parola all’assessore Loffredo che ha sottolineato come non ci siano, esposti all’interno degli stand, prodotti che possano andare in contrasto con l’attività, quotidiana e costante, dei commercianti salernitani, questo perché “tutti i commercianti vanno incoraggiati”. Scherzando ha palesato di voler acquistare qualcosa “in modo inaugurale”. Di sicuro la scelta c’è, le casette previste in tutta la città saranno centotrenta. Per il responsabile marketing di Buongiorno Italia, Domenico Napoli, “si vuole rendere giustizia al territorio e alle sue eccellenze”. Domenico Napoli ha dichiarato che, anche se ha visitato altri comuni, con un’economia magari più florida, non vi era la risposta dei produttori per una iniziativa di questa portata. A Salerno, invece, questo brand sembra vincente. “Un mercatino funziona sui flussi e ‘Luci d’Artista’ muove dei flussi importanti. Vi sono espositori da tutta Italia, in modo specifico del territorio campano”. Alcuni espositori sono dei veri e propri affezionati e ritornano spesso per questa iniziativa nella nostra città come riferisce il titolare di “Antiche ricette cilentane” mentre fa assaggiare soddisfatto ai passanti le cipolle di Vatolla, i pomodorini verdi e, ovviamente, i fichi. La risposta dei turisti sembra buona. Un gruppo di Prato, venuto qui per tre giorni, ha apprezzato la città, la nostra cucina, Paestum, e le “luminarie” ormai famose in tutta Italia. “Abbiamo visto un corso strapieno di gente, non so se tutti turisti come noi, comunque si avverte una bella sensazione”. Sui mercatini hanno detto a turno “Qui c’è una cucina ottima”, “Al Sud si mangia troppo”, “Arriveremo sazi ad una cena già pagata all’hotel”. Anche questa è l’ospitalità tipica della nostra regione. Una ragazza francese, a Salerno per lavoro, ha apprezzato la manifestazione di ‘Luci d’Artista’ con un laconico “C’est jolie”, ha assaggiato un taralluccio ai cinque cereali, senza comprendere le spiegazioni in italiano dell’espositrice, ed ha proseguito la strada tracciata dal tappeto rosso per guardare un po’ la varietà di prodotti: salami, formaggi, cioccolata, caramelle, cappelli, conchiglie, libri, frutta secca, liquori tipici, artigianato vietrese. Due signore beccate all’improvviso dalle telecamere, residenti, si sono dichiarate un po’ restie ad acquistare i prodotti dalle casette perché “tenuti all’aperto”. I mercatini saranno aperti tutti i giorni, dal lunedì al venerdì fino alle nove di sera e nel week-end ci saranno orari prolungati, fino all’otto di gennaio. Certo è che, adesso, il Natale sembra davvero un po’ più vicino.

Annarita Caramico

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->