E’ morto Mario Scuccimarra, oggi alle 16 i funerali alla chiesa di San Pietro

Scritto da , 21 Gennaio 2016
image_pdfimage_print

Zio Mario non c’è più. Ieri è morto l’avvocato Scuccimarra, un altro pezzo della nostra Salerno che ci lascia per approdare al di là della sua città, cui ha dedicato una vita come professionista e come politico. L’ho conosciuto 30 anni fa, mese più mese meno, nell’aula consiliare di Palazzo di città, quando i Consigli comunali erano una palestra per i giovani giornalisti e una scuola di lavoro che nessuna Università potrà mai insegnare. Dovevo intervistarlo ma Lui schivo e tranquillo quasi si sorprese della mia richiesta. Il gruppo Dc era fortissimo ma all’opposizione dopo il blitz dei socialisti, i capi bastone guidati dall’istrionico Ciccio Florimonte picchiavano giù duro per far cadere Giordano, appeso al voto di Erberto Manzo o di Salvatore Milo. Bastò il nome di donna Vittoria per far cadere ogni resistenza, quella intervista è conservata nel mio archivio perché segnò l’inizio di una grande amicizia. Era nel gruppo Dc ma la sua estrazione era targata Msi, legatissimo a Vincenzo Demasi, fino al passaggio nelle fila scudocrociato dove continuò ad essere eletto come consigliere comunale. Poi lasciò la politica attiva quando capì che la Dc salernitana si stava sfaldando, tanto che fu travolta dal ciclone socialista il mandato successivo. Aveva visto giusto. L’unico rimpianto una cena che dovevamo fare ma che in 30 anni abbiamo sempre rinviato, forse anche per motivi scaramantici. Zio Mario era questo semplice e affettuoso, rinchiuso nel suo studio alla Rotonda, trasformato nei periodi elettorali in una vera e propria segreteria politica, fatta con semplicità. Della vecchia scuola missina non ha dimenticato le linee guida, tenendo sempre un profilo alto. Che la terra ti sia lieve zio Mario.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->