E’ morto il 45enne Bruno Lordi di Nocera Superiore aggredito il 26 dicembre con una bombola di gas

Scritto da , 11 gennaio 2015
image_pdfimage_print

NOCERA INFERIORE. E’ morto l’uomo aggredito in casa con una bombola di gas il giorno di Santo Stefano. Non ce l’ha fatta Bruno Lordi,(nella foto) il 45 enne di Nocera Superiore, deceduto ieri pomeriggio intorno alle 18 mentre era ricoverato all’ospedale Umberto I di Nocera Inferiore, dopo una violenta aggressione subìta lo scorso 26 dicembre. Dopo i primi giorni di stasi, la situazione è precipitata in seguito ad un’ischemia ed emorragia cerebrale che hanno reso indispensabile l’intervento chirurgico e la conseguente rimozione dell’ematoma. L’uomo era entrato in coma ed ieri è deceduto. . Ancora da appurare le cause che avrebbero portato ad un gesto così efferato. Sembra che vi fossero dissapori legati a vecchi debiti per fitti non pagati. Secondo quanto dichiarato dalla convivente, con lui in casa la sera del 26 Dicembre, ad irrompere nell’appartamento in Via Uscioli sarebbero state due persone padre e figlio. Sempre secondo quanto riportato dalla convivente i due avrebbero fatto irruzione forzatamente in casa armati di una bombola del gas che è stata poi utilizzata dall’aggressore per colpire al volto Bruno Lordi che avrebbe subito perso i sensi. Ad essere coinvolta nell’aggressione sarebbe stata anche la stessa convivente, che ha denunciato d’esser stata a sua volta raggiunta da schiaffi e pugni da parte dei due aggressori. Repentini gli interventi da parte dei carabinieri di Nocera Superiore, che hanno subito allertato due ambulanze per il trasferimento immediato al vicino ospedale di Nocera Inferiore. L’avvocato Pietro Pasquali, legale di Bruno Lordi aveva presentato una denuncia querela contro gli aggressori. Ora dopo il decesso dell’uomo le cose cambiano e vi potrebbero essere già nelle prossime ore provvedimenti da parte delle autorità giudiziarie.,

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->