Droga nella city, ritirati i patteggiamenti

Scritto da , 9 novembre 2017

Pina Ferro

Spaccio di droga nella zona orientale della città gestito da Ciro Marigliano senior, ieri mattina, in aula i legali hanno chiesto il ritiro di tutte le richieste di patteggiamento. A seguito della richiesta da parte degli avvocati la terza sezione collegiale si è riservata di pronunciarsi in merito nel corso della prossima udienza in programma il 22 novembre. Il gruppo dedito allo spaccio di droga nella zona orientale della città fu smantellato il 24 novembre dello scorso anno dai carabinieri del comando provinciale di Salerno a conclusione di un’indagine della L’attività investigativa prese il via la sera del 14 settembre del 2014 a seguito del ferimento di Armando Mastrogiovanni, avvenuto dinanzi al Sea Garden. All’indirizzo di Mastrogiovanni furono esplosi sei colpi di arma da fuoco. A seguito di indagini fu individuato e arrestato il responsabile Costabile Verrone. Alla base del gesto vi erano vecchi rancori. Quello fu il primo tassello di un puzzle che pian piano è stato com- posto e che ha portato i carabinieri a far emergere la piazza di spaccio nella zona orientale della città. All’epoca l’episodio destò molto scalpore. Il fatto consumatosi dinanzi al Sea Garden di Salerno in primo momento fece pensare ad un avvertimento o un litigio per motivi passionali. Le successive indagini poi hanno fatto emergere la rete di spaccio. Le indagini portarono ad accertare in luce l’esistenza di due gruppi criminali, strettamente legati a Ciro Marigliano junior e a Luigi Natella. All’apice dell’organizzazione non c’erano, però, Marigliano junior e Natella. Loro erano un gradino sotto “zio Ciro”, cioè Ciro Marigliano senior, esponente di spicco della criminalità organizzata. Era lui l’apice dell’intera rete di spaccio. Durante le perquisizioni, furono rinvenuti vari tipi di stupefacente: marijuana, eroina, cocaina, mannite.

Consiglia