Dopo la pausa, vittoria esterna per i dragoni. Indennimeo: “Ancora molto lavoro da fare, ma dobbiamo crederci. Obiettivo di giornata raggiunto”

Scritto da , 25 Novembre 2019
image_pdfimage_print

Cinque preziosissimi punti per risalire la classifica. Con questi presupposti l’Arechi Rugby allenato da coach Indennimeo esce dal campo Comunale di San Martino Sannita (BN) con il bottino massimo, realizzando le quattro mete necessarie e chiudendo con il risultato finale di 17 a 22 per i Dragoni, in campo con il San Giorgio del Sannio.

Partita resa difficile da un secondo tempo sotto ritmo per i ragazzi cari al presidente Manzo: i gialloblù infatti, in vantaggio 17 a 3, si sono fatti rimontare fino al 17 a 17 per poi realizzare la meta finale che è valsa anche il preziosissimo punto di bonus, oltre alla vittoria.

Bicchiere mezzo pieno per Luciano Indennimeo, allenatore dei Dragoni: “Tutte le squadre beneventane sono difficili da affrontare. L’intera provincia di Benevento ha una tradizione rugbistica di buon livello e la vicinanza con un club blasonato come il Benevento Rugby ha aiutato molto lo sviluppo delle squadre vicine. Anche in questo caso, una minima disattenzione costa cara e ne stavamo pagando le spese, facendoci rimontare a causa di alcune nostre disattenzioni. Proprio per questo voglio complimentarmi con gli avversari, che hanno reso la partita molto interessante, ma anche e soprattutto con i miei ragazzi che non hanno mollato e ci hanno creduto fino alla fine”. L’obiettivo è comunque raggiunto: “Volevamo i cinque punti, visto il gap che abbiamo con le altre squadre poiché siamo partiti da -8 in classifica – commenta coach Indennimeo – e ci siamo riusciti. Dobbiamo ricordarci di non abbassare mai la guardia, soprattutto ora che siamo in fase di rivoluzione dell’intera rosa con moltissimi giocatori che provengono dalle giovanili. Dobbiamo crescere, c’è tantissimo da lavorare ma la strada è quella giusta. Questa vittoria, tra l’altro in trasferta, è importantissima per noi”.

Risultato un po’ più severo per i Dragoni under 18, in trasferta al Villaggio del Rugby di Napoli per giocare con i pari età dell’Amatori Napoli: il finale, 43 a 10, non dà merito alla mole di gioco costruita dai ragazzi allenati dal duo Stanzione-Falivene che, rimaneggiati a causa di tante assenze, hanno comunque dato prova di avere carattere e di potersi togliere non poche soddisfazioni durante il resto della stagione. Coach Paolo Stanzione, infatti, non ha dubbi sulle potenzialità dei suoi: “Eravamo in pochi e siamo scesi in campo con la più forte del nostro campionato. Nonostante ciò i ragazzi hanno giocato a rugby dal primo all’ultimo minuto, dando il massimo e senza pensare mai al punteggio. Hanno dato il massimo per tutta la partita. Siamo rimasti in inferiorità numerica per quasi un tempo ma i ragazzi hanno continuato a dare il massimo. Sono sicuramente soddisfatto nonostante il risultato e fiducioso per il futuro, poiché la squadra più forte del campionato non ha avuto vita facile con noi che eravamo fortemente rimaneggiata”.

Sconfitta anche per le ragazze seniores, anche oggi in campo con le Barbare della Zona Orientale: il concentramento è stato in realtà a due squadre, complice anche il maltempo. Ad avere la meglio le ragazze di Campobasso, che vincono per 4 mete a 0. Per coach Maurizio Criscuolo il bicchiere è comunque mezzo pieno: “Il campo era ai limiti, quasi impraticabile. Nonostante ciò le ragazze sono scese in campo ma con poca convinzione, lasciando troppo spazio di manovra alle avversarie. Dobbiamo sicuramente migliorare, soprattutto in fase difensiva”.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->