Dito puntato contro l’ordinanza del Comune

Scritto da , 2 Novembre 2019
image_pdfimage_print

di Erika Noschese

Polemiche, al cimitero di Brignano, per l’ordinanza emessa dal Comune di Salerno che vieta alle automobili di raggiungere il camposanto passando dall’ingresso principale. A storcere il naso sono i fiorai dinanzi al cancello dell’ingresso principale che lamentano un netto calo degli introiti proprio nei giorni della commemorazione dei defunti. Alla base delle querelle il circuito imposto agli automobilisti che per l’appunto dovranno raggiungere il cimitero dall’ingresso secondario, ragion per cui i 5 fiorai si ritrov e r a n n o totalmente fuori dalle vendite. «Grazie al cospicuo spiegamento di forze dell’ordine non ci sono automobili almeno e almeno fino al 3 novembre sarà così», ha spiegato la signora Laura che, ieri mattina, ha più volte chiesto di parlare con un responsabile che si sarebbe presentato sul posto, rifiutandosi di ascoltare le lamentele dei 5 fiorai che chiedono solo di avere la stessa possibilità dei loro colleghi che, invece, si ritrovano un guadagno nettamente superiore in quanto gli automobilisti che raggiungono il secondo cancello acquistano i fiori per i loro cari proprio da loro. «Gli anni passati questo circuito non c’era, abbiamo lavorato e soprattutto il responsabile ha voluto parlare con noi, quest’anno, invece, stiamo avendo solo problemi», ha poi aggiunto Laura Guarino a cui fa eco il marito Walter che si sente fortemente penalizzato dalla scelta dell’amministrazione con il dispositivo traffico che sarà in vigore, come già detto, fino a domani. «Le vendite sono nettamente calate, ormai le persone anche in occasione della celebrazione dei defunti non si recano al cimitero e, di conseguenza, noi non vendiamo», ha pi aggiunto la donna che da anni lavora al cimitero di Salerno e nota il netto cambiamento che penalizza i venditori di fiori. A ciò si aggiunge però che la strada secondaria che bisogna percorrere, oltre ad essere in pendenza e stretta è piena di buche. «La strada dissestata mette seriamente a rischio l’incolumità degli automobilisti ma sarebbe giusto che qualcuno ci ascoltasse, come sempre è accaduto», ha aggiunto infine Laura.

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->