Disabili, la società a Gagliano: “Convenzione vecchia”

Scritto da , 24 Novembre 2012
image_pdfimage_print

SALERNO. Non c’è stata la tanto attesa impennata nella vendita dei tagliandi per assistere al match in programma oggi pomeriggio all’Arechi tra Salernitana e Fondi; sebbene nel tardo pomeriggio di ieri sia stata segnalata qualche piccola coda presso le ricevitorie Lottomatica abilitate all’emissione dei biglietti, il numero di ticket venduti non supera quota 2mila (esclusi i 205 abbonati), ma la giornata di sole, i buoni risultati ottenuti dalla squadra e la possibilità di avvicinarsi ulteriormente alla vetta potrebbero spingere i soliti ritardatari ad acquistare il tagliando in prossimità dell’inizio della gara, con la società che ha invitato pubblicamente i tifosi a recarsi con anticipo all’Arechi per evitare code e resse ai botteghini. Impossibile avvicinarsi ai 7200 di Salernitana-Aprilia ed ai 6170 di Salernitana-L’Aquila, la speranza è di assestarsi intorno alle 4mila unità, con lo zoccolo duro del tifo pronto a sostenere a gran voce i propri beniamini dal primo al novantesimo e spingere il pallone in porta a suon di cori così come accaduto 15 giorni fa contro la capolista. Per quanto riguarda la questione disabili, sollevata nuovamente in settimana da Salvatore Gagliano, la società ha ribadito che la convenzione con il Comune prevede l’ingresso gratuito allo stadio dei cosiddetti “grandi disabili”, ovvero dai reduci di guerra che hanno riportato gravi malformazioni fisiche. Per numero di posti a disposizione nel settore tribuna verde e per i costi di Iva e Siae, la proprietà ha dunque deciso di non attuare la politica dei biglietti gratuiti, prevedendo prezzi simbolici per il disabile e per il rispettivo accompagnatore; è bene ricordare, tuttavia, che anche nell’era Lombardi, fatta eccezione per il primo anno, i diversamente abili hanno pagato, con una riduzione sul costo, l’abbonamento per la tribuna. Novità in vista anche per quanto riguarda la tessera del tifoso: negli ultimi 20 giorni le richieste sono decisamente aumentate e buone nuove ci sono anche per gli ex tesserati che, dopo il fallimento della Salernitana Calcio, non avevano ricevuto la Card o, in alcuni casi, possedevano ricevute sprovviste di codice, conditio sine qua non per poter acquistare il tagliando per il settore ospiti per le partite in campo esterno. La società ha inserito in un file i nominativi di queste persone e, dopo un lungo colloquio, ha avuto l’ok dalla Lega per depennarli dalla vecchia lista e poter avviare le pratiche per la Supporters Card.
 

Consiglia

Cronaca

Attualità

Spettacolo e Cultura

--sidebar-wrapper-->