Direzione Pd: c’è De Luca ma l’uomo di Renzi è Pisani

Scritto da , 16 dicembre 2013

di Andrea Pellegrino

 

C’è Vincenzo De Luca nella direzione del Pd ma non è Matteo Renzi a trascinarlo.

Nel listino dei venti sindaci indicato dal neosegretario nazionale del Partito democratico c’è un altro salernitano e non è il sindaco del capoluogo di provincia: il primo cittadino di Pollica Stefano Pisani, che rientra nel gruppo dei «renziani della prima ora». Nell’organo di direzione nazionale entra anche un’altra salernitana: la deputata di Agropoli, Sabrina Capozzolo. Ieri l’assemblea del Pd a Milano che ha ufficializzato la nomina di Matteo Renzi a segretario nazionale.

Presenti tutti gli eletti salernitani delle varie mozioni che si sono contrapposte lo scorso 8 dicembre. In sala anche Vincenzo De Luca poi nominato all’interno della direzione nazionale. Secco «no comment» sull’incompatibilità.

Il sindaco aspirante viceministro di Salerno, a quanti gli hanno chiesto notizie sulla sua posizione e sui suoi rapporti con la nuova segreteria Pd, all’indomani della vivace discussione in Parlamento con la deputata campana Pina Picierno, ha risposto: «Sono di una serenità olimpica, e la salute va benissimo». Quanto alle polemiche De Luca dice: «Secondo me non sono incompatibile. La legge 81 stabilisce la competenza del viceministro, che devono essere relative a un dipartimento o a più direzioni generali. Siamo fermi a questa discussione. Le polemiche non mi turbano, sono in totale relax». Ma questa settimana per Vincenzo De Luca potrebbe essere quella della scelta.

Domani in Tribunale si discuterà proprio dell’incompatibilità del sindaco – viceministro, dopo il ricorso presentato dai grillini salernitani. Ancora, è fissata per venerdì la riunione di maggioranza, durante la quale s’attendono le indicazioni del sindaco e che dovrebbe vedere all’ordine del giorno anche la verifica amministrativa richiesta da Sel.

Infine ci sarà da convocare ufficialmente il Consiglio comunale che dovrebbe iscrivere all’ordine del giorno l’argomento decadenza. Il tutto mentre s’attendono risposte da Roma in merito all’attribuzione delle deleghe ed il completamento dell’incarico ministeriale per De Luca. Se ciò non accadrà con molta probabilità De Luca lascerà il Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture proseguendo così il sindacato. Dallo stesso Renzi pare che sia giunto il nuovo invito a «decidere al più presto».

Tra l’altro, un altro segnale il rottamatore lo ha lanciato anche ieri in assemblea, puntando su Pisani nel listino dei sindaci.

Nella direzione nazionale del Pd, entrano anche Alfredo D’Attorre, ex segretario provinciale del Pd e attuale coordinatore della regione Calabria per il Partito democratico; Andrea Cozzolino, eurodeputato e possibile avversario interno di De Luca per la candidatura a Governatore della Campania nel 2015; infine il deputato Matteo Orfini che aveva scelto Salerno, candidandosi nel collegio cittadino, per la sua campagna congressuale a sostegno di Gianni Cuperlo.

Consiglia